domenica 26 dicembre 2010

Un biscotto per la mamma

La mia mamma si è fatta male ad un piedino per cui è a casa un po' demoralizzata, e io vorrei tirarla su di morale.
A casa mia vanno tanto i biscotti della salute, o quelli integrali o i famosi Lagaccio ai semi di finocchio.
Allora ho trovato una bella ricettina in giro in un vecchio quaderno ma non mi convinceva e allora ho modificato un po' una ricetta della mitica Cavoletto.


Ingredienti:

- 650 gr di farina (ho usato metà manitoba e metà bio di grano tenero)
- 200 gr di zucchero
- 150 di burro
- 50 gr lievito di birra (io ho usato 130 gr di Briciola la pasta madre)
- 15 gr di semi di finocchio (ma forse avrei dovuto renderli a farina)
- un pizzico di sale

Bisogna far sciogliere il lievito in un bicchere d'acqua tiepida poi versare su una parte di farina e mescolare. Lasciar riposare un po' finchè raddoppia o almeno si gonfia. Poi si versa il resto della farina nella planetaria e si aggiunge lo zucchero, il burro a pezzetti, i semi di finocchio e il lievito lievitato e divenuto un panetto e si inizia ad impastare versando a filo l'acqua, quanta ne serve per rendere  l'impasto un po' più colloso rispetto all'impasto del pane. Dopo 6-8 minuti avremo un impasto liscio ed elastico che lasceremo lievitare a coperto per un’ora. Poi lo rimpasteremo e creeremo i filoncini su una teglia ricoperta di carta da forno e lo lasceremo lievitare ancora un pochino, 15-20 minuti. Dopodichè infornare per 25-30 minuti a 200°. Poi lasciarli raffreddare e affettare. 
Il giorno dopo passare al forno epr biscottarli al meglio.

Non sono venuti niente male, ma per il nostro gusto personale i semi sono un po' troppo evidenti, o meglio, sono un po' invadenti! Danno un gusto un po' troppo intenso, forse sarebbe stato meglio polverizzarli, non toglierli perchè rendono questo biscotto unico!

Ps Con questa foto ho partecipato al contest About Food Calendario, speruma!

PpS Ovviamente non ho vinto..sarà per la prossima?
Servo e me ne vado
Chloeugi

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero