mercoledì 5 gennaio 2011

E gira e gira il mondo! e gira la mia testa!


Anno nuovo vita super piena (come quella vecchia direi!) ;)
Sono giorni pazzi e pieni di cose da fare, scatole, borse, zaini, roba da buttare altra da vendere insomma..un po' di delirio pre- trasloco.
E sono felice di iniziare questo anno nuovo con un trasloco, per fortuna ho qualche giorno per prepararmi. Lo trovo zen...fare ordine, inscatolare, fare pulizie però...in realtà ciò che mi rilassa di più resta sempre cucinare!
Visto che la mia Briciolina, la pasta madre, ha avuto qualche trauma, ma ora sta meglio, l'ho rinfrescata come si deve...saranno stati i bagordi di fine anno?! Ora però si sentiva pronta per fare impasti sfiziosi!
Via allora...con queste girelle tutte home made con marmellata di agrumi fatta in casa e l'impasto con briciola e amore e gocce di cioccolato, così domani, il mio omino e la mia famiglia oltre alla calza si sveglierà con un profumino allettante!


Ingredienti:
150 g di Briciolina (lievito madre)
450 g di farina (ho usato manitoba)
200 g di latte (scremato tiepido)
3 tuorli
2 cucchiai di zucchero (vanigliato fatto in casa)
la scorza di 1 limone (alla fine l'ho dimenticata!)
100 g di burro a temperatura ambiente
marmellata (q.b) (di agrumi misti fatta da me)
gocce di cioccolato (q.b.)

Come si fa: 
Nella planetaria si fa sciogliere il lievito madre con il latte tiepido, e poi si aggiungono i tuorli, la farina, lo zucchero,  il limone grattugiato, e per ultimo il burro. Si fanno amalgamare bene gli ingredienti e far lavorare per circa 20 minuti.
Coprire la ciotola, e si lascia lievitare per circa 4 ore in luogo caldo al riparo da correnti. Quando sarà ben gonfia si riprende il panetto e poi lo si stende e si spennella con marmellata e si cosparge di gocce di cioccolato per poi arrotolarla e tagliarla a rondelle, cercando di essere molto delicati e le stendiamo su una cteglia con carta da forno e si lascia lievita per un'ora.
Si inforna a 170° per 20/25 minuti.

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero