sabato 11 febbraio 2012

giorno 13° un po' di riposo, qualche dolorino e soluzioni

Buongiorno a voi, finalmente il weekend è arrivato. Non che per noi voglia dire riposo, per carità, però vuol dire fare un sacco di cose, vedere un sacco di amici e dormicchiare un po'. Ho iniziato la giornata con qualche pulizia, cambio lenzuola e lavatrice, colazione leggera e qualche lettura, in attesa del rientro del mio omino.Ieri sera, per fare il punto di questo periodo di "pulizia", ho cercato di mangiare tante verdurine saltate in padella con olio di sesamo e riso e una bistecchina di farro. So che non sto seguendo esattamente le regole, che sgarro perché sono golosa e mi piace pasticciare e poi perché fa un gran freddo fuori. La prossima settimana cercherò di togliere altri ingredienti che non fanno bene al mio fegato, in modo da avvicinarmi alla quaresima senza troppi strappi. Vorrei tanto perdere qualche kg, so che non dovrebbe essere l'unico obiettivo, però aiuterebbe! A parte ciò, mi sento bene, a volte ho lo stomaco che un po' si lamenta non per la fame, ma perché a volte se sgarro lui me lo fa capire. Amo questa nuova consapevolezza, che gli altri chiamano "essere delicatini", invece credo sia importante ascoltare dolorini, l'elasticità della pelle e altri sintomi che raccontano i cambiamenti e di cosa il corpo ha bisogno per riequilibrarsi. In questo momento, sentendo i dolorini alla schiena, sto cercando di capire da cosa è dovuto. Oggi mi dedico un po' alle cure di me stessa, magari un po' di esercizio fisico, le frizioni della pelle, che ti fanno stare sempre bene, tazze di the, per ri-alcalinizzare lo stomaco dopo la bomba-gassosa-bio, che amo, ma che non aiuta! Una bella zuppa di miso o bordo di clorofilla, che ieri ho cercato di mettere insieme, con un buon risultato.
Ripassando un po' i miei appunti, sono giunta alla conclusione di aver di nuovo causato uno sbilanciamento della glicemia: il mio pancreas non ringrazia, mi sa che ho fatto casini per questa cosa del fegato, ma credo sia normale un po' di confusione! 
Ripassiamo insieme la lezione sulla voglia di dolce!
I sintomi di questo squilibrio: 
  • fame nervosa ed eccessiva 
  • voglia di dolce, alcool, prodotti da forno, stimolanti, succhi di frutta, frutta cruda e tropicale 
  • cali di energia 
  • nervosismo e sbalzi di umore 
  • sonno superficiale 
  • dolori alla schiena 
  • piedi freddi 
  • eccessiva emotività, ansia, attacchi di panico 
  • litigiosità con il partner
Cosa fare?  
Non agitarsi, innanzitutto, ovviamente togliere tutti gli ingredienti yang=origine animale,prodotti da forno, prodotti secchi e duri, formaggi stagionati e uova e crostacei. Mangiare verdure a foglia verde, le verdure dolci (cipolle, zucca, cavolo, carote) e poi pediluvio e impacchi caldi sul plesso solare, ora cerco di capire come! Per soddisfare la voglia di dolce, va bene la frutta cotta, dessert al cucchiaio e con le castagne, se ci sono, succo di mela caldo, evitare cibi troppo dolci (e qui ho finalmente capito!) fichi, datteri e uvetta, perché creano picchi glicemici troppo alti e utilizzare malto di riso e d'orzo per dolcificare, non succo d'agave o sciroppo d'acero o sciroppi di cereali, anch'essi troppo intensi.
Per sciogliere i grassi accumulati sarebbe meglio mangiare ravanelli e daikon, funghi shitake, alimenti con sapore pungente come zenzero, cipollotto e rafano, alimenti ricchi di iodio, come le alghe e i condimenti che aiutano la tiroide e il pesce a carne bianca, ma io evito.
Ok, il ripasso è finito, diamoci da fare, a me i fornelli!

(non) servo e me ne vado
Chloeugi

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero