martedì 14 febbraio 2012

Giorno 16 San Valentino e allenamento pre cena!


Resoconto della puntata precedente: ieri sera ho cenato con un meraviglioso take away giapponese per farmi una coccola: spaghetti di riso in shiro Miso brodoso caldo e tempura di verdura croccante. Meravigliosa davvero. Stamattina la mia colazione è stata leggera ma piena di cereali e nocciole croccante. La mangikschiscetta di oggi prevedeva riso con legumi e cavolo versa saltato con olio di sesamo e acidulato di umeboshi. Poi è iniziato un bell'allenamento per la cena per mio fratello. Ho fatto ben due torte al cioccolato per farla assaggiare ai miei colleghi, i miei migliori assaggiatori (è anche una scusa x far loro una coccola visto gli ultimi tempi!) una torta è al cioccolato e birra scura; l'altra è al cioccolato e latte di soia. Sono entrambe vegan. 
Per la cena di stasera con il mio super compagno, ho preparato delle polpette di cannellini e mandorle, un'insalata di carote e olive nere e, per lui, un fagottini con prosciutto cotto e provola dolce. 
E ora qualche ricetta! 

1) polpette cannellini e mandorle 

Ingredienti 
- 230 gr di cannellini (1confezione già cotti) 
- 65 gr di farina di mandorle 
- 35 gr di mandorle salate e tostate 
- spezie varie 
- 1 cipollotto 
- olio e sale 
- pan grattato 

Si creano le palline frullando tutti gli ingredienti e poi passarle nel pan grattato. Stenderle su carta da forno e cuocerle 20-25 minuti a 180 gradi. 

2) Torta al cioccolato vegan 
Ingredienti
- 200 gr di cioccolato fondente 
- 200 gr di farina 
- 1 bustina di lievito o mezza se è grande 
- 100 gr di zucchero 
- 50 gr cacao 
- 1 bicchiere e mezzo di latte vegetale
- 4 cucchiai di olio di mais/girasole 

Far sciogliere a bagnomaria il cioccolato. Setacciare farina, lievito e cacao in una terrina e iniziare a mescolare con il latte, usando una frusta. Mescolare il cioccolato fuso e infornare a 180 gradi per 45 minuti. Servire da sola o con una crema o budino di mandorle. 

Servo e me ne vado 
Chloeugi

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero