giovedì 5 luglio 2012

Calda estate fresco mangiare

Questa sera sono tornata a casa con voglia di colori e di cibo buono e sano...che novità, penserete voi. Ma io a dire il vero sono golosa, infatti non sono particolarmente magra ma sono piena di energia e questo è già qualcosa. Allora, rientro a casa e mi metto a giocare con le mie cosine in cucina, il mio regno, dove mi esprimo e mi sfogo e creo.
Stasera ho deciso di fare una tartare estiva, anche se non vegan, perché la mangiasse anche il Compagno, e un dolce forse poco dolce, ma che aiuta la tiroide e fa bene per riequilibrare un po' quello che c'è dentro di me...

Tartare di frutta e feta (dosi x3/4)
- 1 melone
- 1 panetto di feta
- 1 cetriolo
- succo di limone o lime
- olio e sale
- menta

Tagliare la frutta e verdura e feta a piccoli dadini e condirli con olio, sale e succo di limone.

Ho creato anche una salsine tzaziki menta e timo con il quale ho creato decorazione sul piatto da portata, e va bene anche per condirla.

Il dolce, da perfezionare, era un dolce a strati uno creato da budino al cacao fatto con latte di riso, l'altro kanten al succo di mirtillo su base di biscotti senza latte e crema mandorle.
Era da perfezionare perché non l'ho praticamente zuccherati, a parte guarnire con mirtilli sciroppati ma dolcificati con concentrato di mele, quindi non bastava forse per dare la sensazione dolce, ma di può sempre rimediare. 
Il croccantino che vedete conficcato nel dolce è un pensiero dolce per il mio compagno che ama la cioccolata bianca e le cose super zuccherose. Sono dei croccantini di kamut e miglio soffiato e cioccolato bianco, degli specie di biancorì similSani.

Ho detto che equilibra e fa bene perhe l'agar agar, alga che ha funzione gelificante che si usa al posto della colla di pesce, si trova in commercio in polvere, in fiocchi e in barretta, regolarizza la tiroide, è un blando lassativo, per trattare la stipsi e problemi intestinali, c'è pure un libro a riguardo per dimagrire se lo trovo lo leggo, lo provo e ve ne parlo.

Per ora servo e me ne vado
Chloeugi

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero