lunedì 22 ottobre 2012

I sapori dell'autunno per iniziare bene

Dopo qualche giorno di delirio entusiasmante (anche se un po' stancante) oggi mi dedico un po' alle amate zuppe. Ci si avvia alla stagione dai colori caldi dall'arancione al marrone, al giallo e rosso delle foglie così come nella nostra dispensa troviamo zucche, carote, patate, cachi, orzo e altri cereali scaldanti. Ho aperto il frigo e ho trovato un bel cavolfiore, delle carotine, delle cipolle, un porro stupendo e una patata rossa. Poi avevo il brodo fatto da mia Suocera e e...eureka! Idea! Zuppa autunnale e è il mio minipimer del potere mi ha aiutato a velocizzare molto le operazioni. E poi...non ci prepariamo un dolcino? Una bella crema di caffè d'orzo al profumo di nocciole.

Zuppa autunnale al minipimer del potere
- 1 cavolfiore
- 4 carotine
- 1 patata rossa
- 1 cipolla
- 1 porro medio
- sale olio e curry
- dado vegetale
- acqua

Sminuzzare con il minipimer, il mio è senza fili e ha il bicchiere al quale si attacca il corpo del frullatore al coperchio e via si sminuzza che è un piacere. Sicuramente poco macrobiotico ma velocissimo per chi vuole farsi una zuppa veloce e facile.
Sminuzzare il porro e la cipolla, soffriggerlo con un filo d'olio sale un cucchiaino di dado e uno di curry.
Fare imbiondire. Sminuzzare le carote, la patata, il cavolfiore e unirle al porro e cipolla e cuocere per qualche minuto poi coprire con l'acqua e cuocere per mezz'ora. Volendo si può dargli un'altra frullata. Per renderlo più cremosi e dal gusto più vellutato aggiungere un cucchiaio di tahin e una spolverata di paprika o di origano.

Budino di caffè d'orzo al profumo di nocciola

- 500 ml di acqua
- 3/4 cucchiai di orzo solubile
- 3 cucchiai fecola o maizena
- 2 gr di agar agar in polvere oppure mezzo cucchiaino a seconda di quanto lo vogliamo denso o sodo
- 3/4 cucchiai di malto alla nocciola
- zucchero integrale (facoltativo)

Preparare l'orzo con l'acqua e zuccherarlo a piacere con zucchero integrale o malto. Sciogliere la maizena e l'agar agar e il malto nell'orzo e mettere a cuocere continuando a mescolare con la frusta finché solidifica. Assaggiare e, se serve, aggiungere malto per dolcificare a piacere. Se è tanto solido frullare per amalgamare bene.
Io l'ho versato in 4 barattoli guarnendoli in maniera diversa: con farina di mandorle o nocciole, con muesli, con miglio soffiato in modo da avere colazioni o merende sempre diverse.

La schiscetta di oggi era incoraggiante per la sua gamma di arancioni e i gusti avvolgenti: zuppa zucca e lenticchie e come dolce i cachi! Poi comprato sale e pepe perché c'era il libro sulle ricette con la zucca e mi sa che mi sbizzarrirò cercando di rendere le ricettine anche vegan.

Ora servo e me ne vado (a stirare :()
Chloeugi

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero