martedì 28 maggio 2013

Smangiucchiare e pensare

In questi giorni dal clima incerto, anche il nostro corpo non sa bene cosa vuole. Ha freddo quindi vuole cose calde per rinfrancarsi, poi però ha caldo e allora giù acqua e cibo freschi. Insomma in pasticcio! Io non faccio eccezione, però sto cercando di proseguire con i miei buoni propositi di auto-educarmi al volermi bene cercando di mangiare i cibi che mi fanno bene, al corpo e all'umore.
Oggi, ad esempio, ho iniziato con una colazione bomba: sandwich di gallette integrali con un velo di burro di arachidi e fette di banana con una tazza del mio amato THE verde.
Ci vanno cereali integrali, i tanto temuti carboidrati, che sono zuccheri per darci l'energia per la giornata!

Sto leggendo un libro, vi dicevo ieri, che si chiama Skinny Bitch, ve lo consiglio magari come lettura estiva semi.impegnata perchè fa sorridere in alcuni punti, fa riflettere e fa..capire come mangiare per essere fottutamente magre!

Oggi penso un po' a come organizzarmi per i prossimi giorni per cosa mangiare come organizzare il frigo anche se, già da qualche tempo, sto cercando di trovare soluzioni ottimali per le mie belle verdurine e per come organizzare i vari snack e pasti che mi preparo per venire al lavoro e non soccombere sotto il peso della fame nervosa.

Queste due belle ragazze hanno epnsato ad un menù di un mese per incoraggiarci a mangiare sano e depurarci un po' senza perdere gusto e vi dirò: non sembra niente male!
Stasera proverò a preparare i biscotti per la colazione che mangerò ogni tanto alternando alle varie cosine buone che hanno proposto. Cercherò di non usare olio o di usarne poco, per essere fedele anche a quanto appreso da McDougall. Insomma sembra che tutto porti ad un'alimentazione PlantBased direbbero gli anglofoni, non per essere pervertiti o estremisti ma per stare bene.

Vi farò sapere, per ora vi dico che, se siete interessati, trovarte le dispense dei miei vari corsi e le varie tabelle da scaricare/stampare qui:

Ora servo e me ne vado
Chloeugi

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero