giovedì 25 dicembre 2014

FesteZiamenti!!!

I festeggiamenti non finiscono mai!
È l'ora dei festeZiamenti! Dalla zia veneta, un esempio di regina dei fornelli, grande esempio di generosità e amore. E io voglio farle qualche dono e mi organizzo per andare a farle visita e cucinare un po' per lei e con lei.

Gnocchi di zucca e patate al pomodoro
Ingredienti per 6:
- 1 kg di zucca
- 1 kg di patate
- 250 gr di farina 
- 150 gr di polpa di pomodoro
- cipolla e carota per il soffritto 
- sale e olio 

Tagliare la zucca a fette e pulirla togliendo i semi. Stendere le fette su una teglia e cuocere nel forno per 20 minuti circa (fino a cottura, quando sarà bella morbida). Mettere le patate in una pentola di acqua bollente e cuocete fino a cottura (fino a quando infilzandole la parte interna cotta) Mettere la zucca in una ciotola. 
Togliere le patate dalla pentola, lasciarle raffreddare e privarle della buccia esterna e aggiungerla alla zucca.
Frullare il tutto con un frullatore, poi aggiungere la farina, e amalgamare il tutto con una forchetta. L'impasto deve ottenere la giusta consistenza, ricordarsi che meno farina aggiungeremo più gli gnocchi rimarranno morbidi.
Prendere e lanciare a manciate un po' di farina su un piano di lavoro, e formare dei salsicciotti con l'impasto e tirandoli a mano, e con un coltello tagliare gli gnocchi ogni due centimetri circa.
Preparare il sugo tagliando la cipolla e la carota molto sottile, e versare il soffritto in una padella con dell'olio. Aggiungere poi la polpa di pomodoro, salata e cuocere per 10-15 minuti.
Far bollire una pentola d'acqua, a ebollizione salarla poi buttarvi a uno a uno gli gnocchi e quando verranno a galla toglierli con una schiumarola in una ciotola. Condirli con il sugo, e farli saltare un minuto.

Pudding di pane vegan
Ingredienti per una grande teglia 
- 340/350 gr di pane raffermo 
- 4 tazze di latte vegetale (soia light)
Oppure latte di mandorle dimezzando lo zucchero 
- 2 tazze di zucchero integrale e 1 di sciroppo d'acero
- 4 cucchiaini di amido di mais
- 2 cucchiai di cannella
- 1 tazza di mandorle o noci o nocciole
- 1 tavoletta di cioccolato fondente
- 1/2 tazza di olio di mais o di semi di girasole

Tagliare il pane a cubetti e posizionarlo in una teglia da forno, cospargerlo di mandorle e di cioccolato a pezzetti.
Scaldare il latte con olio, cannella e amido di mais e versarlo sul pane nella teglia e coprire il tutto. Cuocere in forno per 40 minuti a 180'C.

Frittelle di mele alla cannella integrali al forno 
Ingredienti per circa 12/16 frittelle
- 200 gr di farina integrale preferibilmente di farro
-  2 cucchiai di zucchero integrale
- un cucchiaino di bicarbonato o di lievito o di cremor tartaro 
- 1-2 cucchiaini di succo di limone
- 1 cucchiaino di cannella in polvere
- 1 mela media
- 1 cucchiaio di olio di mais o semi

250 ml latte vegetale (soya orzomalto) 
Mescolare la farina con lo zucchero, la cannella e il bicarbonato. Pelare e tagliare  la mela a cubetti piccoli. Aggiungere alla farina poi l’olio, il succo di limone, che serve per attivare il bicarbonato e il latte, mescolando bene con una frusta. Prendere una teglia coperta di carta da forno, ungerla ancora un po' con l'olio o con l'acqua, versare con un cucchiaio l’impasto, dandogli la forma di ciambelle o frittelline. Infornare a 180° C per circa un quarto d'ora.

Polpettone di lenticchie
Ingredienti per 4/6
- 2 tazze di lenticchie cotte
- 250/300 di pane secco 
- 2 cipolle o scalogno
- 1 carota tagliata fine
- aromi vari: timo, coriandolo, pepe, peperoncino, origano a piacere
- 1 cucchiaio di olio
- 1 cucchiaio di tahin
- 1/2 cucchiaino di sale

Mettere il pane tagliato a pezzi a mollo in una ciotola per una buona mezz'ora/un'oretta, finché si ammorbidisce ben bene. Tagliare le cipolle e le carote e soffriggere un paio di minuti, Prendere le lenticchie e frullarle in una ciotola. Strizzare il pane e frullare con le lenticchie. Condire con sale e spezie, il cucchiaio di olio e tahin (facoltativo se non ce l'avete) e versare il tutto in una terrina da plumcake. Cuocere a 180° C.
Dopo giorni di parole coccole e gatti obesi siamo tornati a casa per comunicare i preparativi per il 2015, a pensare ai buoni propositi e a quali sogni concretizzare. 
Servo e me ne vado
Chloeugi 





lunedì 22 dicembre 2014

Tradizioni natalizie...cena tra amici

Ogni anno, tra il 21 e il 23, dipende da che giorno si libera nelle nostre agende traboccanti di impegni, da almeno una decina di anni festeggiamo il natale alternativo tra amici. Invadiamo casa dei miei (splendidi e pazienti) genitori, ognuno di noi prepara o porta cibarie e beveraggi vari, e si folleggia per un bel po', tra cibi e canti di Natale non proprio tradizionali.
Quest'anno la fortuna ha voluto che il 23 fosse il giorno stabilito.
E io mi preparo cercando qua e la ricettine che possano piacere ai miei amici (e anche a me!).

Focaccine di patate alla birra
Ingredienti
- 300 gr di farina
- 200 ml di acqua tiepida
circa 24 gr lievito fresco 
- 2 patata da circa 150 gr+ 100 gr (condimento)
- 1 cucchiaino di zucchero
- 100 ml di birra bionda
- 150 gr di semola
- 8 gr di sale 
- 1-2 cucchiai di olio

Condimenti
- 100 gr di olive
- timo, finocchietto in semi e alloro

Far bollire una patata in abbondante acqua, circa 10/15 minuti, se si taglia già a cubetti piccoli, dopo averla sbucciata, (così si evita di dover aspettare che si raffreddi un po' per sbucciarla) e schiacciarla. Mescolare in una ciotola la farina e la semola. 
Aggiungere il sale e lo zucchero e poi la patata schiacciata. Sciogliere bene il cubetto di lievito di birra nell’acqua tiepida e aggiungerlo agli altri ingredienti. 
Versare a filo la birra e l’olio e cominciare ad impastare con le mani.
Trasferire l'impasto sul piano di lavoro per continuare ad impastare fino ad ottenere un bell'impasto liscio e compatto.
Porre l'impasto in una ciotola coprendola con una pellicola e lasciare che lieviti per almeno 2orette a temperatura ambiente, l'importante è che ci sia un ambiente tiepido attorno.
Quando avrà raddoppiato il suo volume sarà pronta per essere tagliata, dopo averla stesa alta circa un cm e tagliare con coppa pasta a scelta per ricavare le focaccine. 
Porre su una teglia da forno su carta da forno e lasciare che lievitino ancora per un'ora.
Tagliare le olive e le patate tagliate a fettine sottili (ma non sbucciate, e cuocerle per 10 minuti in acqua abbondante e salata, aromatizzata con timo e alloro o altre erbette a piacere. Quando saranno cotte e tenere, bisogna scolarle. (Attenzione che diventano molli come le mie eheh).
Trascorsa l'ultima ora di lievitazione, schiacciare le focaccine al centro e formare una conchetta da spennellare con olio, e porre al centro qualche fettina di patate  e olive e qualche seme di finocchio.
Infornare le focacce a 200°C per 15 minuti (o 180° per 10-12 minuti se il forno è ventilato).

Focaccia alla birra e olive 
Variante semplice senza patate
Ingredienti 
- 500 gr di farina mista Manitoba kamut
- 1 cubetto di lievito fresco da sciogliere in un bicchiere di acqua tiepida
- 200 ml di birra (ne avevo avanzata un po')
- sale 
- 1 cucchiaino di zucchero di canna 
- olio
- olive
Idea in più Volendo si possono rosolare bella birra delle cipolle rosse per guarnire la focaccia da versare gli ultimi 10 min di cottura.

Fare una fontanella di farina e versare al centro il lievito sciolto e birra e cominciare a impastare. Una volta assorbito bene il liquido aggiungere lo zucchero e poi il sale. Impastare aiutandosi con acqua se è troppo asciutta, meglio tiepida non fredda, o farina se è troppo bagnata. So che non sono indicazioni precise ma ogni farina ha un grado di assorbimento dell'acqua. Man mano che si diventa esperte impastatrici impareremo a dosare l'acqua senza doverla misurare! Creare una palla e lasciarla per un'ora avvolta nella pellicola. Una volta pronta stenderla e cospargerla di olive. Infornare per 20 min a 200'.

Mini tartellette al cioccolato e lamponi
Ingredienti per 20 mini tartellette
Per la frolla (ovviamente in versione vegana)

- 230g di farina integrale 
- 40g di farina di mandorle (creata frullando altrettante mandorle pelate)
- 80g di zucchero integrale di canna
- 60g di olio extravergine d'oliva
- 40g di acqua
- 50g di panna vegetale (soia, riso, miglio...)
- 4g di cremor tartaro (o lievito vegan per dolci)
- 2 cucchiaino scarso di zenzero in polvere

Per la ganache al cioccolato:
- 200g di cioccolato fondente al 70%
- 170g di panna vegetale
- 2 cucchiai di sciroppo d'acero o agave

Per guarnire
-250 gr di lamponi freschi

Preparare la frolla prendendo una ciotola unendo prima gli ingredienti secchi e quelli liquidi imapstando fino ad ottenere una palla liscia e omogenea. Cospargere l'impasto con un po' di farina e stendere la pasta dello spessore di circa 5 mm. Dividere la pasta in piccole tartellette, utilizzando piccole teglie oppure la teglia dei muffin. Bucherellare la superficie e lasciare per 10 minuti in freezer per aiutare la cottura che avverrà dopo questa operazione. Preriscaldare il forno a 180°C. Tirare fuori le teglie con le tartellette e ricoprirle con la carta da forno o stagnola, ponendo sopra dei pesi come legumi secchi per evitare che si deformino durante la cottura. Infornare per 10 minuti, Rimuovere i pesetti e cuocere per altri 8 minuti.
Intanto preparare la ganache per ricoprire le tartallette: scaldare in un pentolino la panna vegetale con lo sciroppo d'acero/succo d'agave a scelta, e aggiungere il cioccolato lasciandolo fondere per bene. Togliere dal fuoco lasciandolo intiepidire e riempire le piccole tartellette. Finire decorando con i lamponi freschi e lasciare in frigo per un paio d'ore perchè si addensino bene. 

Che cena! Quante risate e quante chicchiere! Grazie a tutti e auguri

Servo e me ne vado (serve un digestivo)
Chloeugi




sabato 20 dicembre 2014

Natale con ..i TUOI!

Finalmente è arrivato il pranzo tanto atteso! 
Suoceri e genitori e fratelli vari tutti attorno ad un tavolo!
Nei giorni che hanno preceduto questo evento ho pensato a tante ricettine per mettere d'accordo tutti i gusti e per non appesantirci troppo ma..come si fa? Il cibo è una coccola e una carezza e io a queste persone voglio un gran bene, mi aiutano, sostengono e camminano con me ogni giorno verso nuovi orizzonti...sogni grandiosi e anni a venire!
E cosa potevo fare se non buttarmi su cibi avvolgenti e gustosi, pieni di spezie e profumi da tutto il mondo? Qualche mio cavallo di battaglia abbinato a piccole novità. A voi l'ardua sentenza.

Ecco il menu:
Antipasto
- crema di noci alla turca rivisitata 
- sfilatini di pasta brisée ai semi di papavero
Primo
Lasagne al pesto e fagiolini e patate
Secondo
- Polpette di lenticchie al curry
- Insalata
Dolce

Salsa turca rivisitata
E' una salsina turca per pinzimonio molto buona, appena ho visto la ricetta su Sale&Pepe veg mi si è illuminata una lampadina!!! Un po' un ricordo della Turchia, anche se abbiamo visto davvero troppo poco. Però i suoi profumi, i colori e le spezie ci hanno incantato. E io ho deciso di rivisitarla aggiungendo un tocco cremoso.

Teradot rivisitata
Ingredienti
- 2 spicchi d'aglio o di scalogno
- 120/150 g di noci
- 3-4 cucchiai di tahin
- succo di 1-2 limoni
- 4 cucchiai di acqua bollente (se serve)
- prezzemolo, circa 5 cucchiai tritati
- sale e pepe nero appena macinato
- 250 gr di ceci

Sbucciare e schiacciare l'aglio o lo scalogno e metterlo nel boccale del mixer con le noci e un pizzico di sale e frullare fino. Poi aggiungere il tahin, il succo dei limoni e il prezzemolo (4 su 5 cucchiai, tenerne uno per guarnire) e i ceci e lavorare ancora per qualche secondo aiutandosi con qualche cucchiaio di acqua calda. Servire la crema così ottenuta con un cucchiaio di olio e prezzemolo come guarnizione abbinato a verdura cruda o pane appena fatto, grissini di pasta brisée con semi di papaveri...quello che volete. 

Lasagne pesto fagiolini e patate
Ingredienti per 8:
- Pasta per lasagne (o sfoglie) 
- 1 litro di besciamella*
- 600 gr fagiolini cotti
- 400 gr di patate
- olio
- sale e pepe
- noci 

Per il pesto di rucola:
- 300 gr di rucola
- 20 gr di mandorle
- 20 gr di pinoli
- 2 spicchi d'aglio
- olio evo
- sale 

Bollire per 7 minuti in acqua salata le patate tagliate a dadini e i fagiolini a pezzetti di circa 2 cm. Scolarli e tenerli da parte.

Creare la besciamella (vedere sotto le due ricette alternative).

Frullare insieme tutti gli ingredienti per ottenere il pesto aggiungendo olio pian piano in modo da creare una crema omogenea. Cuocere la pasta come da indicazioni sulla confezione. 

Disporre le sfoglia in una pirofila abbastanza ampia, alternando la besciamella e il pesto, i fagiolini e le patate, iniziando e terminando con la besciamella. 

Cuocere in forno preriscaldato a 200 °C per 15 minuti circa.

Per la besciamella ne ho fatte di due tipi, per dare più gusto alla lasagna.

Besciamella vegan al latte di soia
Ingredienti:
- 500 ml di latte di soia non dolcificato
- 35 gr di farina integrale (oppure zero)
- 35 gr di olio extravergine
- 1 pizzico di noce moscata
- Sale e pepe
In primis tostare per un paio di minuti la farina integrale e l'olio extravergine in un pentolino dal fondo alto, mescolandole bene prima con la frusta. Versare il latte di soia, sempre con la frusta, aiutarsi mescolando bene fino a portare il tutto a bollore. Abbassare la fiamma e continuare a mescolare fino ad ottenere una bella crema. Si può fare anche in un altro modo: portare a ebollizione il latte di soia, abbassare la fiamma e unire l'olio e la farina setacciandola pian piano. Insaporire con un pizzico di noce moscata, sale e pepe. Per ottenerne una ancora più densa e gustosa aumentare la farina fino a 50 gr.

Besciamella vegan al brodo vegetale
ingredienti
- 500 ml di brodo
- 40 gr di farina o farina integrale
- 40 gr di olio evo
- noce moscata
- sale e pepe  
Preparare un brodo vegetale. Versare 500 ml in una pentola e portate ad ebollizione. In un pentolino riscaldare l'olio e versare la farina, avendo cura di setacciare con un setaccio per evitare la formazione di grumi. Mescolare i due ingredienti con il cucchiaio di legno o una frusta, e unire a poco a poco il brodo vegetale ancora caldo. Lasciare cuocere a fiamma media fino a quando la besciamella non avrà raggiunto la consistenza desiderata. Se occorre una besciamella più densa, aumentate la quantità di olio e farina fino a 50 grammi. Insaporire con noce moscata, sale e pepe.

Polpette di lenticchie al curry
Ingredienti per 12/15 piccole polpette:
- 500 gr di lenticchie cotte
- 1 cipolla bianca e uno scalogno piccolo
- 2 carote
- prezzemolo
- 3/4 cucchiai di farina di mais fioretto
- 1/2 cucchiaino di curry o curcuma
- olio
Per la salsina da abbinare:
Ingredienti:
- 200 gr di yogurth
- 1 bustina di zafferano
- 1/2 cipolla tritata
Cuocere le lenticchie come si preferisce. Se si vuole usare la pentola a pressione: se le lenticchie sono piccole, non si fa ammollo, se no anche fino a 6-8 ore e poi, fare un piccolo soffritto con cipolla sedano e carota e versare le lenticchie. Chiudere la pentola a pressione e cuocere le lenticchie per 15 minuti da quando inizia il fischio della pentola. Scolare le lenticchie e metterle nel boccale del frullatore con cipolla e carote (se non si sono messe in pentola a pressione), il prezzemolo. Frullare. Poi aggiungere la farina di mais, il curry e 5-6 cucchiaini di olio, fino ad ottenere un composto denso e omogeneo, al quale aggiungere sale e pepe per insaporire. Con l'aiuto di cucchiai e coppa pasta (o uno stampo per hamburger o le vostre manine), creare delle polpette/hamburgher e adagiarle su carta da forno. Io le ho preparate con un giorno di anticipo, e le ho messe in frigo in un vassoio cos' da aiutare a compattarsi meglio. Cuocerli in padella con un filo d'olio, coprendo con coperchio (per dimezzare i tempi  e consumare di meno) per circa una decina di minuti, facendo dorare i due lati.
Per la salsina unire lo yogurth, lo zafferano e la cipolla sminuzzata. In estate volendo aggiungere menta e cetriolo e fare una bella crema tzaziki.
Torta agli arancia e cioccolato

Ingredienti:
- 250 gr di farina
- 125 gr di zucchero di canna
- 250 gr di succo d'arancia
- 125 gr di olio di mais
- 1 bustina lievito per dolci

- 1 cucchiaio di marmellata d'arance
- 1 tavoletta di cioccolato 
Oppure 
- 2 cucchiai di cacao
- 1 cucchiaio di semi di papavero

Mescolare farina setacciata, lo zucchero e il lievito. Aggiungere l’olio e il succo d’arancia e mescolare bene. Aggiungere la marmellata (l'ho fatta con la macchina del pane con 500 gr di arance e 300 di zucchero di canna e succo di un limone) amalgamandola bene versare nella teglia e spezzare il cioccolato, immergerlo nell'impasto.
Altra possibilità dividere in due il composto: in una parte mescolare i semi di papavero nell'altra il cacao. Foderare una teglia con della carta da forno, o ungerla con olio e farina e versare l’impasto alternandolo o mescolando i due colori  e cuocere a 175° per 30 minuti.
Guarnire con codette o scaglie di cioccolato, bucce di arancia candite e zucchero di canna e un cucchiaio di marmellata di arance.
Purtroppo non ho immagini decenti perché è stato tutto spazzolato!!!
Ora servo...una buona tisana digestiva al finocchio e me ne vado a fare un pisolino!
Chloeugi



venerdì 19 dicembre 2014

La asana del cibo

Adoro praticare yoga, vorrei che diventasse la mia routine, quella cosa che faccio appena mi sveglio, dopo essermi fatte le frizioni delle pelle...un bel saluto al sole...Invece ultimamente litigo con il piumone che non mi vuole lasciare uscire ;)
Ma me lo segno nella lista dei buoni propositi: mangiare sano (ancora di più!), fare più movimento, volermi bene, sviluppare le mie idee, darmi una chance...insomma 2015 spaccherò!

Comunque dopo Yoga ci siamo organizzati per cenare tutti insieme e c'erano davvero delle cose squisite, come al solito c'era troppo cibo e tantissima voglia di stare insieme.
E cosa ho preparato io? Un gustosissimo hummus di zucca  e ceci speziato con un pane integrale, e dei dolcetti di pasta brisée con mele, le ho chiamate Rose nel deserto!

Hummus di zucca e ceci speziato

Ingrediente

500 g circa di zucca butternut mondata e tagliata a cubetti
2 spicchi d'aglio
olio extravergine
1 cucchiaio di tahini (anche chiamato burro di sesamo)
400 g di ceci, scolati e sciacquati
succo di 1 limone 

Mix di spezie: 
1 cucchiaino di chiodi garofano
1 cucchiaio di semi di coriandolo
1/2 cucchiaio di semi di finocchio
1/2 cucchiaio di semi di cumino
1 cucchiaino di paprika dolce in polvere

1 cucchiaino di curry
1 cucchiaino di curcuma
1 stecca di cannella o 1 cucchiaino (facoltativa)

Preparare il mix di spezie: macinare in un piccolo mortaio il cumino, il coriandolo, i chiodi di garofano  e i semini di finocchio. Prendere un padellino antiaderente per tostarle. Togliere dal fuoco e aggiungere la paprika, il curry e la curcuma. Pulire e tagliare la zucca in cubetti, posizionando in una teglia da forno con 2 cucchiai di olio, i 2 spicchi d'aglio (volendo si possono evitare ma dà carattere, e un pezzo di zenzero (facoltativo) con un cucchiaio di mix di spezie, e cuocere in forno per 45 minuti a 180°C. Se non dovesse essere ancora morbido, cuocere per altri 15/20 minuti, finché non si ammorbidisce. Versare il contenuto della teglia nel boccale del frullatore con il tahin, i ceci, il succo di un limone, del prezzemolo volendo, e frullare fino ad ottenere un composto omogeneo. Aiutarsi con acqua e olio per creare una consistenza vellutata e spalmabile. Una volta pronto, versarlo, aiutandosi con un leccapentole, in una ciotola e guarnire con il resto delle spezie, un filo d'olio e una spruzzatina di limone. 


Rose (nel deserto) di mele e pasta brisée 
Ingredienti
- 2 rotoli di pasta brisée vegan/bio
- 5 mele a scelta dolci non acidule
- zucchero di canna o integrale
- acqua
- succo di limone

Sbucciare le mele e tagliarle a fettine super sottili, Bagnarle di succo di limone affinché non anneriscano e passarle in padella con zucchero (un filo di di olio affinché non si attacchino alla padella) e ammorbidire le mele, cospargendole con lo zucchero, in modo che si caramellino. Lasciarle raffreddare, e nel frattempo tagliare la pasta brisée a strisce abbastanza ampie per tenere fette di mela che si dovranno posizionare in maniera che esca la fetta di mela a metà dal bordo. Poi arrotolare la pasta, in modo da creare le rose! Stenderle sulla teglia ricoperta di carta da forno, cospargendo di zucchero di canna e cuocere per 15/20 minuti a 180°C, finché si caramelleranno ben bene. Saranno semplici ma gustosi, veloci da fare e belli da vedere.

La cena è stata stupenda, con tante chiacchiere e condivisione

Servo e me ne vado
Chloeugi


mercoledì 10 dicembre 2014

Il Natale è da mangiareeeeee

Nessun regalo è troppo piccolo da donare, e nemmeno troppo semplice da ricevere, se è scelto con giudizio e dato con amore. F.Kafka

Il Natale per me è questo: far sentire alle persone il mio affetto, con piccoli regali dai grandi significati...innanzitutto impiego tempo per pensarli, crearli e poi consegnarli (oltre a impacchettarli).
Sono coccole infiocchettate, bocconi d'affetto, abbracci personali...e altro ancora.
Questo mio primo anno da freelance mi ha un po' messa alla prova, anche economicamente parlando, ma non posso lamentarmi: anche questo è stato un dono per me!
E che doni sto preparando per i miei amici e parenti?
CIBOOOOOOO ebbene sì, perché il cibo ha tante valenze nelle nostre vite.

Ho invasettato miriadi di barattolini di Brinella, la mia personale crema spalmabile che ha la particolarità di non essere fatta con le nocciole ma con le mandorle, visto che molte persone che lo riceveranno sono donne e a noi è noto che fanno bene per la presenza di calcio e vitamina E.
Poi un liquore al cioccolato, con latte di mandorle come base e alcool puro per dare quel brio al composto e scaldare un po' il cuore (o forse lo stomaco?).
Eccovi le ricettine dei primi doni...

Brinella di mandorle
Ingredienti per un barattolo medio (io ho quadruplicato)
- 150 gr di cioccolato fondente al 75% 
- 90 gr di mandorle

- 120 gr di zucchero integrale o di canna
- 1/2 bicchiere di latte di soia o di avena o riso
- 2 cucchiai di olio di mais o di semi di girasole.

Si può decidere di agire in due modi:
1) Far fondere il cioccolato a bagnomaria; nel frattempo frullare le mandorle e lo zucchero. Scaldare appena il latte con l'olio e aggiungerlo al cioccolato. Mescolare il tutto. Invasettare.
2) Frullare e tritare cioccolato e nocciole; scaldare il latte con olio e versarlo sul composto frullato, aggiungendo lo zucchero. Invasettare.

Liquore al cacao e latte di mandorle 
Ingredienti per 3 bottiglie da 500 ml:
- 150 gr di mandorle non pelate
- 1 litro di acqua
- 100 gr di cacao amaro
- 700 gr di zucchero 
- mezzo cucchiaino di vaniglia
- 2 pezzi di scorsa di arancia non trattata
- pizzico di sale
- 250 gr di alcool al 95°

Si prepara il latte di mandorle che servirà come base per il liquore: tritare finemente le mandorle. Poi aggiungere pian piano prima 100 ml di acqua, e frullare per 10 secondi. Man mano aggiungere l'acqua fino a ottenere un latte liscio senza grumi. Riscaldare il composto per una decina di minuti portandolo ad ebollizione. Lasciarlo raffreddare. Poi filtrare con un colino a maglie fini, mettendo da parte la poltiglia (che io ho usato per creare delle polpette con pan grattato, farina integrale, qualche verdurina e spezie).
Sciogliere il cacao e lo zucchero, precedentemente mescolati in una terrina, con il latte ottenuto e cuocere in una pentola dal fondo spesso con un pizzico di vaniglia e qualche scorza di arancia, per almeno 30 minuti.
Lasciare di nuovo a raffreddare, almeno 30 minuti. Filtrare, togliendo le scorze e aggiungere l'alcool mescolando bene prima di imbottigliare. Lasciar riposare per almeno una settimana prima di gustarselo.

Ho trovato una piccola variante ancora più cioccolatosa. Consiglio di aggiungere le spezie, se piacciono, per dare ancora più profumo al composto.

Variante

Ingredienti:
- 500 gr di zucchero di canna
- 150 gr di cacao amaro
- 1 lt di acqua
- 150 gr di alcool
- a piacere cannella, vaniglia, cardamomo, peperoncino, pasta di nocciole

Infine ho creato dei bei barattoli con tutti gli ingredienti che servono per creare dei gustosissimi biscotti: zucchero integrale, farina bio, gocce di cioccolato, lievito, olio in una bottiglietta ...e la ricetta ovviamente!

Ora servo e me ne vado a creare altri dolci doni!
Chloeugi


mercoledì 3 dicembre 2014

La semplicità a portata di cucchiaio!

Sono una grande amante della semplicità e dei gusti che raccontino qualcosa. Si ma cosa, vi chiederete, e come
Io amo il cacao, amo il budino e amo prendermi cura di me ma concedendomi qualche sgarro. Da quando ho cominciato l'avventura di babysitter/merendaia mi sto interrogando su quali possano essere delle merende sane ma gustose e non troppo "strane" per il bimbo che seguo, perché è un momento-coccola non un momento "ora-mangi-sano-e-ti-riempio-di-vitamine"!
Allora, sapendo di avere questa passione condivisa con il nano con i quali passo degli allegri pomeriggi, ho pensato questa settimana di preparargli un giorno il budino al cacao e sabato, che è venuto lui a giocare da me, una bella tazza di cioccolata calda.
Ovviamente non ho usato le bustine pronte, anche perché ho scoperto, tanto tempo fa, essere più facile di quanto non sembri e più economico farseli da sé.

Budino al cacao al latte ti riso e quinoa
Ingredienti per 4
- 1 litro di latte vegetale a scelta (io riso e quinoa al cacao)
100 gr farina

- 6/8 cucchiai circa cacao amaro (se non è già al cacao il latte)

- 2 cucchiai di fecola di  patate

- 120 gr zucchero integrale

- 1 pz di sale

In una casseruola mescolare gli ingredienti secchi e cominciare a versare il latte per cercare di creare un miscuglio omogeneo senza grumi. Poi aggiungere tutto il latte e portare a bollore. Ci vorranno circa 10 min perché di addendi bene, volendo si può aggiungere del cioccolato fondente in cubetti per intensificare il gusto o aromatizzare con un po' di buccia di arancia. Versare negli stampini e lasciare raffreddare.

Per la cioccolata calda il procedimento è molto simile...

Per ogni tazza di cioccolata calda (vegan e light) basta mescolare:

-1 cucchiaio di zucchero integrale

-1 cucchiaio di farina 

- 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere

- 250 ml di latte vegetale (quello d'avena è più grasso e risulta più vellutato il gusto)

Mescolare gli ingredienti secchi e poi versare il latte affinché si crei la giusta consistenza senza grumi. Mettere la pentola sul fuoco e fare addensare.

Dopo tutta questa dolcezza però serviva qualcosa di salato per equilibrare un po'. E quale migliore occasione il sabato per stare con gli amici e mangiare cosine buone e sane? Io porto sempre qualcosa da mangiare, uso gli amici come tester e li vizio come so fare...

Patè di zucchine e mandorle 

Ingredienti per una bella ciotola

- 400 g. di zucchine crude belle 

- 60 g. semi di girasole

- 50 gr mandorle non pelare

- succo di un limone

- 2 cucchiai di tahin (burro di sesamo)

- 6 cucchiai di olio evo

- una manciata di prezzemolo tritato

- sale e pepe a piacere

Scegliere delle belle zucchine, lavarli e tagliarle a pezzi da inserire nel boccale del frullatore, ai quali unire i semi di girasole, le mandorle, il prezzemolo, il succo di limone, il tahin, l’olio, il sale e una spolverata di pepe. 

Bisogna Frullare tutti gli ingredienti per 5 minuti buoni per ottenere una bella consistenza. 

Sui crostini o come sugo per la pasta è ottima, data ai bambini come intruglio di Shrek!!!

Ora servo (spero la colazione con il mio pane integrale e la crema di mandorle home made) e me ne vado 

Chloeugi 


giovedì 27 novembre 2014

Sempre di corsa...sempre qui!

La gente si chiede spesso se io mi annoi a casa, visto che lavoro gran parte del tempo nel mio splendido ufficio organizzato in casa. La risposta....rullo di tamburi...è NO!

E sì, faccio un sacco di cose, forse sono anche più produttiva di quanto immaginassi! (o di quanto la gente normalmente si immagini...)
Innanzitutto posso gestirmi il tempo come voglio. In secondo luogo, posso portare avanti anche alcuni lavoretti che sono da fare se vogliamo tenere la casa in maniera dignitosa (anche se non sempre ci riesco visto le miriadi di cose nelle quali sono coinvolta ultimamente!).

In questi ultimi tempi ho avuto modo di passare dalla cucina e sbizzarrirmi ma poi non ho avuto tempo di pubblicare qualche post, pardon!
Allora ho preparato il pane, in varie versioni, in modo che piacesse anche al Lassaggiatore, dei muffin alle carote mandorle e cioccolato per il bambino alla quale ho cominciato a fare la babysitter.
Oggi ho preparato i biscottini alla pasta frolla vegan con le forme a letterine!
Poi vado avanti con i miei progetti personali ...startup, corsi di cucina, carnevale e altri progetti..

Pane semi integrale
Ingredienti per una pagnotta grande:
- 200 gr di farina 0
- 300 gr. di farina integrale
- 150 gr. di farina manitoba
- 360 ml di acqua tiepida
- 1 cucchiaino di zucchero integrale o di canna
- 1 cucchiaino e 1/2 di sale
- 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
- 1 cubetto di lievito di birra fresco o una bustina di lievito in polvere
Versare nella vaschetta della macchina del pane gli ingredienti in questo ordine: l’acqua tiepida, le farine. Creare un buchetto per versare sale, in modo che non tocchi poi il lievito. Aggiungere su un altro lato lo zucchero che aiuterà la lievitazione senza lasciare il gusto dolciastro. Aggiungere l'olio e poi il lievito sbriciolato. Far partire la macchina del pane e...aspettare che la casa venga invasa dal profumo! Volendo si può impastare a mano, lasciarlo lievitare un paio d'ora, rimpastare e lasciare lievitare ancora e poi cuocere in forno caldo  220° C per 35/40 minuti.
Per i muffin golosi, che hanno dovuto passare la durissima prova Bimbo ecco la ricetta dei muffin di carote, mandorle e cioccolato!

Muffin carote mandorle e cioccolato fondente
Ingredienti per 12 muffin
- 150 gr di carote
- 50 gr di mandorle
- 100 gr di zucchero di canna o integrale
- 250 gr di farina (200 gr Manitoba e 50 integrale)
- 1 bustina di lievito per dolci o cremor tartaro
- 50 gr di olio di mais o di semi di girasole
- 150 ml di latte vegetale a scelta
- 100 ml di acqua
- buccia di un limone
- 1 cucchiaio di aceto di mele
Pelare le carote e tagliarle a pezzi nel frullatore con lo zucchero e sminuzzare bene.
Mescolare la farina setacciata con il lievito e la buccia di limone. In una ciotola mescolare latte vegetale, olio, aceto, acqua e succo di limone. Unire i due composti e mescolare bene fino ad ottenere un composto bello liscio e gustoso. Preparare la teglia da muffin con i pirottini di carta da forno e versare, con l'aiuto di due cucchiai o del pallinatore da gelato, il composto in modo da riempire 2/3 dei pirottini. Tagliare il cioccolato e versarlo distribuendolo sui vari futuri muffin, magari spingendo a fondo con le dita in modo da creare un cuoce di cioccolato.
Cuocere a 180°C per 25 minuti. Lasciar riposare i muffin nel forno spento per 5 minuti e poi servirli.

Pasta frolla vegan al cioccolato
130 ml di olio di mais 
- 200 ml di acqua salata
- scorza di un limone biologico
- 90 gr di zucchero integrale

- 300 gr di farina semintegrale

Mescolare i liquidi in una ciotola (l’olio di mais e dell’acqua leggermente salata), ed emulsionare bene aiutandosi con una frusta. Aggiungere la buccia grattugiata del limone facendo attenzione a mettere solo la parte gialla (quella che contiene gli olii essenziali) e non quella bianca che è leggermente amarognola.
Aggiungere poi lo zucchero di canna, la farina e cominciate ad impastare. Lavorare l’impasto fino a quando si ottiene un composto omogeneo. Lasciar riposare la pasta frolla avvolta in un pezzo di pellicola, in frigo per almeno una trentina di minuti.
Tagliare con le formine preferite, e cuocere in forno per 180°C per 15-20 minuti.

Ora mi ri-immergo nei miei mille progetti smangiucchiando un super muffin!
Servo e me ne vado
Choeugi
Ps Ringrazio C+B per il corso di sabato che mi ha chiarito le idee sul mio futuro... Un corso pazzesco, ho avuto modo di conoscere delle donne splendide e piene di idee, ho pensato a quanta strada fatta e quanta ne ho ancora da fare. Grazie ai consigli alle parole e al confronto che penso ci porterà moooolto lontano!

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero