mercoledì 8 gennaio 2014

Di brocche schiscette e sogni nuovi

Non mi sono persa o non sono scappata, piccoli lettori miei!
Solo che l'anno è finito faticosamente e iniziato con un bell'entusiasmo e voglia di mettersi in gioco...qualche novità non tutte super positive ma siamo noi a renderle positive, o no?!

Allora si riparte con le schiscette, perhcè l'esperimento mensa purtroppo onn mi ha soddisfatta come speravo. Un po' perchè amo quello che cucino e emangio, un po' perhcè ho bisogno di tempo e spazi miei e insomma penso sia meglio così fino a prova contraria.

Oggi avevo un'ottima pasta di soia con hummus di piselli e qualche patatina al forno con ketchup bio.
Come merenda nocciole e fichi sechi e tanta acuqa filtrata nella mia nuova brocca/borraccia.
Basta essere organizzati, no? Una bella borraccia che si può riempire anche dal rubinetto e tante bustine di the verde o altre tisane, qualche frutto secco o essiccato o frutta fresca da mangiare lontano dai pasti, una schiscetta colorta e piena di cosine naturali e il sorriso torna!

Oggi come voglio sentirmi? Serena.
Perchè scrivo questo? Perchè da ieri ho iniziato un percorso molto interessante che si chiama The desire Map, per imparare a stare bene, a trovare la propria strada. Ringrazio Gioia Gottini, con la quale intraprenderò anche un percorso personale (con la mia amica socia Special K) per decidere quali passi fare, quali strade intraprendere, insomma..un 2014 spumeggiante!

Ve lo consiglio di vivere una splendida esperienza per prendersi cura di se stessi con Ambra Caramatti che, con il suo blog, aiuta le persone e attraverso cosnulenze personalizzate ci aiuta a stabilire obiettivi e trovare soluzioni ad hoc per noi e naturali...per me è stato così e sto cercando di mettere in atto i suoi preziosi consigli.

E allora, andiamo avanti così: mangiamo sano, muoviamoci un po' e cerchiamo di focalizzare l'attenzione su noi stesse, per essere persone migliori anche con gli latir e per realizzarci nella vita.

Servo e me ne vado
Chloeugi




Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero