domenica 27 luglio 2014

Clima incerto e torte sperimentali



Ma, caro sole mio, perché non hai voglia di passare del tempo con noi, in maniera un po' continuativa, e non a singhiozzo!? E dai su....

E io che devo fare? 
Mi armo di santa pazienza (e golosità) e mi metto a giocare in cucina con i miei giochi!
Ho in mente una bella torta profumata con una crema e tante belle ciliegie.

Spulcio qua e la, nei mille quaderni e libri splendidi che danno alla mia cucina un'aspetto colorato e così professionale, e finalmente trovo quello che cercavo: un bel pandispagna senza uova nè latte al profumo di zafferano. E' una ricetta di Simone Salvini, qualche tempo fa ho frequentato un suo splendido master di pasticceria vegana, in Toscana, e me ne sono innamorata...di lui, del suo progetto, della passione che ognuno dei partecipanti metteva nel creare le squisitezze in una cucina nuova.

Torta pandispagna allo zafferano, crema al limone e ciliegie
Ingredienti per una torta
- 280 gr di farina, meglio se semi integrale
- 20 gr farina di mais fioretto
- 200 gr zucchero integrale (o malto o miele)
- 100 ml di olio di mais
- 30 ml di olio evo
- 1 bustina di cremor tartaro + 1 cucchiaino di bicarbonato (oppure 8gr di lievito in polvere bio)
- 270 ml di latte vegetale (io ho usato latte di mandorle)
- 1 bustina di zafferano

Setacciare le farine e mescolarle con gli altri ingredienti secchi in una ciotala: farine, zucchero, lievito (o bicarbonato e cremor tartaro), zafferano. In una brocca mescolare latte e i due olii e versarlo man mano nel mix di ingredienti secchi in modo che non si formino grumi e mescolare bene. Versare in una teglia a cerniera con i bordi alti, unta e infarinata e cuocerla a 180°C per 25/30 minuti, controllado verso la fine con uno stecchino per vedere se è cotto.

Per la crema
- 1 confezione panna di soia da 200 ml
- 1 barattolo di yogurt di soia da 500 gr
- zucchero a velo
- succo di 1/2 limone
Porre lo yogurt su un colono a trama fitta, con un paio di cucchiai di limone in modo che si cagli e si addensi bene. Io l'ho lasciato in frigo per 2-3 ore. Poi ho mescoalto la panna da cucina di soia, con lo zucchero a velo (non molto salutare ma aiuta), non mi si è montata benissimo, ma aggiungendo 2-3 cucchiai di olio di mais si è gonfiata un po'. Dopodiché mescolare al composto di yogurt e lasciarlo cagliare ancor aun po'. Volendo si può fare tutto prima e mescoalre i due composti e lasciarlo a cagliare in frigo.

Variante
Altra ricetta da provare per un mascarpone dolce alternativo basta mescolare una tazza di latte di mandorle, un cucchiaio e mezzo di fecola di patate, o meglio ancora amido di mais, mezza banana, 1 cucchiaino di zucchero magari vanigliato, 1 di cannella, mezzo cucchiaio di lecitina di soia e un pizzico di sale. Al posto del latte di mandorle si può utilizzare il latte di soia alla vaniglia o altro latte vegetae, magari quello all'avena che è più grasso. 

Una volta pronta la crema, stenderla sulla base di pandispagna, il mio è venuto basso non ho messo molto lievito, e poi guarnire con ciliegie e scaglie di cioccolato.

Ho voluto poi provare a far euno stracchino vegetale, perchè alcune volte vorrei dei formaggini da spalmare, ma a parte non volev mangiare formaggio per i fatti miei abbinata ad una evidente intolleranza al lattosio, mi piace sperimentare i formaggi vegan, sono divertenti e non cos' cari come pensassi!

Ho cercato un po' qua e la e ho cambiato un po' una ricetta trovata su VeganBlog, che consiglio a tutti di seguire, è tanto che non pubblico lì ricette mie perchè sono sommersa di cose da fare, ma ringrazio tutti per gli spunti che continuate a dare!

VegStracchino alla eugi
Ingredienti:
-
160 gr. di latte di soya
- 60 gr. di farina 00
- 15 gr. di maizena/amido di mais
- 60 gr di yogurt di soia al naturale
- 3 cucchiai di succo di limone
- sale
- 2-3 cucchiaini di olio di lino  

Stemperare la farina e la maizena con il latte di soia, meglio se il pentolino è antiaderente.  Aggiungere il sale e il succo di limone e cuocere finché si rassoda ben bene.
Spegbere il fornello e lasciar raffreddare. Poi aggiungere lo yogurt.. Solo quando è ben freddo aggiugnere l'olio di lino in modo che non si rovini con il calore, avendo molte caratteristiche sane, ed essendo pieno di Omega 3.

L'ho fatto assaggaire anche al mio Lassaggiatore che ha apprezato, dicendo che non era poi male anzi, che il gusto era interessante spalmato sul pane! (io sulel mie gallette di riso che lui chiama Le polistiroline).


Servo e me ne vado
Chloeugi



Ingredienti 280 g di farina semintegrale 20 g di farina di mais fioretto 1 di cremor tartaro 1 pizzico di bicarbonato 200 g di zucchero integrale 270 g di latte di riso 100 g di olio di mais 30 g di olio evo 1 bustina di zafferano
Vegolosi.it - Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=1372
Ingredienti 280 g di farina semintegrale 20 g di farina di mais fioretto 1 di cremor tartaro 1 pizzico di bicarbonato 200 g di zucchero integrale 270 g di latte di riso 100 g di olio di mais 30 g di olio evo 1 bustina di zafferano Strumenti: robot da cucina, teglia rettangolare 30x23cm Per prima cosa, setacciate in una ciotola le due farine, il lievito e il bicarbonato: in questo modo sarà più facile ottenere un impasto omogeneo e senza grumi. In una seconda ciotola unite e amalgamate gli ingredienti liquidi, ossia latte (per rendere la ricetta vegetariana si può utilizzare eventualmente anche latte vaccino), l’olio di mais e quello extra vergine di oliva. La mossa successiva sarà sminuzzare in un robot da cucina lo zucchero di canna e, sempre nel robot, aggiungere i liquidi e lo zafferano in modo da miscelarli per bene fra loro. Unite ora gli ingredienti secchi al composto liquido così ottenuto, mescolando in modo da amalgamare il tutto in maniera uniforme. Versate il tutto in una teglia che avrete precedentemente oliato ed infarinato ed infornate a 175 gradi per 25/30 minuti. Per controllare la cottura provate con uno stuzzicadenti di legno: nel caso fosse ancora umido, coprite con della carta stagnola la teglia (per non far bruciare la parte superiore della torta) e continuate la cottura per altri 5 minuti.
Vegolosi.it - Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=1372
Ingredienti 280 g di farina semintegrale 20 g di farina di mais fioretto 1 di cremor tartaro 1 pizzico di bicarbonato 200 g di zucchero integrale 270 g di latte di riso 100 g di olio di mais 30 g di olio evo 1 bustina di zafferano
Vegolosi.it - Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=1372
Ingredienti 280 g di farina semintegrale 20 g di farina di mais fioretto 1 di cremor tartaro 1 pizzico di bicarbonato 200 g di zucchero integrale 270 g di latte di riso 100 g di olio di mais 30 g di olio evo 1 bustina di zafferano Strumenti: robot da cucina, teglia rettangolare 30x23cm Per prima cosa, setacciate in una ciotola le due farine, il lievito e il bicarbonato: in questo modo sarà più facile ottenere un impasto omogeneo e senza grumi. In una seconda ciotola unite e amalgamate gli ingredienti liquidi, ossia latte (per rendere la ricetta vegetariana si può utilizzare eventualmente anche latte vaccino), l’olio di mais e quello extra vergine di oliva. La mossa successiva sarà sminuzzare in un robot da cucina lo zucchero di canna e, sempre nel robot, aggiungere i liquidi e lo zafferano in modo da miscelarli per bene fra loro. Unite ora gli ingredienti secchi al composto liquido così ottenuto, mescolando in modo da amalgamare il tutto in maniera uniforme. Versate il tutto in una teglia che avrete precedentemente oliato ed infarinato ed infornate a 175 gradi per 25/30 minuti. Per controllare la cottura provate con uno stuzzicadenti di legno: nel caso fosse ancora umido, coprite con della carta stagnola la teglia (per non far bruciare la parte superiore della torta) e continuate la cottura per altri 5 minuti.
Vegolosi.it - Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=1372
ngredienti 280 g di farina semintegrale 20 g di farina di mais fioretto 1 di cremor tartaro 1 pizzico di bicarbonato 200 g di zucchero integrale 270 g di latte di riso 100 g di olio di mais 30 g di olio evo 1 bustina di zafferano
Vegolosi.it - Leggi su: http://www.vegolosi.it/?p=1372

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero