venerdì 11 dicembre 2015

Fine dell'anno, si tirano le somme

Dicembre è il mese nel quale si tirano le somme e si pensa al nuovo anno che si sta avvicinando.
Ci sono tantissime novità che mi hanno tenuta lontana dal mio amato spazio virtuale.
In primis la startup Merende Diverse è finalmente on line e stiamo vivendo il momento del lancio delle nostre box Christmas Special Edition.

Poi è su amazon il mio ebook Stai sereno e mangia vegano, che mi ha preso molto tempo ma è stato un progetto davvero intenso e pieno di soddisfazioni e spero vedrà la nascita di altri progetti del genere.

Ultima news...beh per usare una metafora: sto per sfornare un piccolo muffii! A maggio del prossimo anno diventerò mamma e la cosa è davvero un grandissimo cambiamento.

Sto realizzando come ogni anno i regali di natale da smangiucchiare con amici e familiari, tra i quali la mia versione personale di ciokorì, croccanti di riso/kamut soffiato ricoperti di cioccolato, mendiants - monete di cioccolato con frutta secca, biscotti di mele cannella e gocce di cioccolato e barattoli con preparato per fare un salame di cioccolato senza derivati animali più leggero e divertente da fare con i propri piccoli. 

I miei buoni propositi sono legati alla riorganizzazione di alcuni ambiti della mia vita, sia on line sia off line. Da gennaio ci saranno un po' di novità per ora penso al menu di Natale e per le feste da condividere con tutti voi.
Per ora condivido le ricette per le torte che farò per un evento che sto aiutando ad organizzare nel mio rione, da condividere con grandi e piccini.

Plumcake agli agrumi
- 150 gr di farina di mais super fine
- 150 gr di farina manitoba o mescolare farina 0 e un po' di farina di riso
- 80 gr fecola di patate 
- 1 bustina di lievito
- 1 cucchiaino di zenzero in polvere
- 1 cucchiaino di cannella in polvere
- 200 ml di succo di arancia e limoni
- 200 ml di latte di riso
- 100 gr di zucchero integrale
- zucchero a velo fatto frullando lo zucchero di canna e un po' di fecola di patate

Setacciare la farina, la fecola e il lievito. Con una frusta iniziare a mescolare il succo e il latte di riso, cercando di togliere i grumi, aggiungere le spezie e lo zucchero, creare un impasto omogeneo. Versare l'impasto in una teglia unta e infornare per 35 minuti a 180°C. 
Controllare con uno stuzzicadenti o stecchino di ferro. Cospargere di zucchero a velo.

Torta pere cacao 
Ingredienti:
- 200 gr farina farro bianca
- 100 gr zucchero di canna
- 1 bicchiere di olio di mais
- 100 gr di cacao amaro
- 3 pere morbide
- 300 ml di latte di avena
- 1 bustina di lievito dolci

Sbucciare le pere e tagliare fettine. Unire in una ciotola farina, lievito, cacao e zucchero. Aggiungere lentamente il latte vegetale e l'olio e mescolare bene con frusta per evitare grumi. Versare metà impasto nella tortiera unta e infarinata coprire con le fette di pera e cospargere di cannella e coprire con il resto dell'impasto. Se l'impasto dovesse essere liquido aggiungere farina se no aggiungere latte per renderlo liquido. Infornare a 180°C per 40/50 minuti.


Torta marmorizzata naturale
Ingredienti:
- 225 gr di farina
- 75 gr farina di patate
- 2 cucchiai di cacao amaro in polvere
- 1 pizzico di vaniglia
- 1 buccia di limone grattugiata
- 45 ml di olio di mais o di oliva delicato
- 300 ml di acqua + 1 cucchiaio per l'impasto
- 1 bustina lievito per dolci naturale
- 150 gr di zucchero integrale o di canna
Unire inuma ciotola capiente la farina, la fecola, lo zucchero, il lievito, la vaniglia e il limone grattugiato. Aggiungere gli ingredienti liquidi acqua e olio e mescolare bene. Versare due terzi in uno stampo e in quello che avanza mescolare cacao e un cucchiaio di acqua e poi versarlo nel composto precedentemente versato nello stampo e mescolare con una forchetta per creare effetti marmorizzati. Infornare a 180° per circa 40 minuti lasciarlo intiepidire e sformatelo. 



lunedì 21 settembre 2015

...di due mesi in due mesi

L'estate è finita, da luglio ad oggi sono passati due mesi e un miliardo di avvenimenti, di progetti, persone, successi e qualche ostacolo da superare.
Questo non mi giustifica dal non aver scritto più nulla (=non vuol dire che io non abbia cucinato, studiato e progettato altre cosine belle e buone)...cioè un po' si ma insomma...che dire?
Ci sono tantissime novità, tantissime ricette che devo provare e che vorrei farvi assaggiare.
Da dove partire nel mio viaggio a ritroso? Ho preso parte per il terzo anno a StartupBus, come organizzatrice, siamo andate avanti con Merende Diverse e a ieri abbiamo preso parte ad un evento di mamme organizzato dallo Stiletto Academy...insomma, cosa voglio di più?
Mi preparo per la stagione fredda, studiando ricette per i prossimi corsi di pasticceria naturale a città studi a Biella, che dite ci sarete ad ottobre?

Ultimamente leggo tantissimi commenti di donnine incinte e di rimedi naturali e ho pensato di provarne uno anche io per potermi preparare, magari chi lo sa in un futuro sfornerò anche io un muffin tutto mio ;)


Zenzero candito

Ingredienti:
250 gr di zenzero fresco già pulito

400 gr di zucchero grezzo di canna

1/2  litro circa di acqua


Per preparare lo zenzero candito è necessario prima di tutto pulirlo, magari aiutandosi con un cucchiaio anziché il solito pelapatate, vi stupirete nel notare quanto sia tutto più semplice senza una lama ma con uno strumento altrettanto efficace.

Tagliarlo a cubetti oppure a fettine sottili e riporre le fettine sul fondo di una pentola e ricoprirle completamente con acqua fredda, fino a superarle di almeno 3-4 centimetri. Portare a ebollizione e lasciare sobbollire per circa 40 minuti, fino a quando lo zenzero si sarà ammorbidito. Se si vuole si può usare la pentola a pressione, riducendo la cottura a 15 minuti dal fischio. Una volta passati i minuti, scolare lo zenzero e rimetterlo in una pentola con poca acqua, che ricopra appena lo zenzero, e aggiungere lo zucchero di canna. Bisogna cuocere finché ci sarà l'evaporazione del liquido che si formerà. Lasciare sobbollire per altri 30- 35 minuti circa. Prelevare con una schiumarola lo zenzero candito, avendo cura di lasciar colare lo sciroppo, che si può tenere da parte per guarnire macedonie, o dolci. Altra idea carina si può congelarlo come cubetti da usare poi immerso in una tazza di acqua bollente per ottenere una deliziosa tisana. Ultima chicca: passare i cubetti o le fettine nello zucchero di canna e lasciarlo asciugare in un barattolo di vetro, si conserverà per tantisssssimo tempo!

Giornata proficua dire...ho anche sfornato dei biscotti!!!
Oggi dei cookies al cioccolato, semplici veloci e da fare con i più piccoli!

Cookies al cioccolato
Ingredienti per circa 25-30 biscotti
- 2 tazze di farina- 2 cucchiaini di lievito
- un pizzico di cannella
- un cucchiaino di caffè
- mezzo di sale e mezza tazza di gocce di cioccolato fondente 
Mescolare questi ingredienti in una ciotola capiente.

In un'altra ciotola mescolare:
- 1 tazza di zucchero di canna- 1/2 tazza di olio di semi o di mais- 1/4 di tazza di acqua- 1 pizzico di vaniglia (facoltativo)
infine mescolare i due composti ottenuti, creare delle palline, da schiacciare poi su una teglia coperta di carta da forno e cuocere in forno per una decina di minuti a 180°C. Meglio toglierli dal forno anche se ci sembrano ancora un po' molli perché continueranno a cuocere una volta usciti dal forno e  si asciugheranno, quindi se li cuociamo troppo rischiano di diventare duri come sassi.

Ora sono pronta per affrontare la settimana, tazza di the verde e biscotto alla mano e via!
Servo e me ne vado
CHloeugi

domenica 19 luglio 2015

...2 mesi che non scrivo!?

...il tempo è volato e ho abbozzato mille post cucinato mille merende e altre cosine organizzato mille eventi ma pubblicato...zero!!! 
Ma com'è possibile che mi sia persa, che mi sia fatta travolgere? Oh beh, poco male, ora recupero! Innanzitutto facendo un po' il punto della situazione .
Ok allora...con ordine...da dopo l'evento alla Bottega è stato un turbinio: le ultime lezioni di pasticceria naturale sono volate e sono state divertenti e intense.
Poi sono cominciati i preparativi per l'evento StartupBus edizione 2015, progetto nel quale credo molto per migliorare la vita delle persone, per aiutare altri giovani a buttarsi nel mondo dell'imprenditoria e per mettersi in gioco. 
Ma ci sono stati anche matrimoni (ben due a giugno),  la stesura di un ebook (anche un po' da limare ma sono sulla buona strada spero..), lezioni da seguire (ebbene sì, studiare è una passione senza fine) e Merende diverse che prende forma e si concretizza in maniera sempre più vera e lo devo ai miei super soci che non smetterò mai di ringraziare per la passione e la professionalità che hanno messo in campo.

Poi però, c'è stato anche la necessità di rallentare un po', quel tanto che mi ha concesso di fare un attimo di pulizia e di ritrovata serenità, obbligandomi a prendermi un po' cura di me, non solo "fuori" ma anche "dentro" di me e come? Leggendo...lo so sembra assurdo ma sono 5 anni che non faccio altro che leggere manuali e documentarmi e...la mia testa sentiva la necessità di un po' di frivolezza o meglio leggerezza.
E in 2 settimane ho letto, sarebbe meglio dire divorato 4 libri.
Ve li consiglio, non sono nuovi e non sono delle pietre miliari della letteratura ma fanno bene al cuore e fanno un po' rallentare...

Lo chef è una donna di Valérie Gans
Il profumo del pane alla lavanda Addison Allen Sarah
Il gusto segreto del cioccolato amaro di Kevin Alan Milne
Tutta colpa di un libro di Shelly King

Tutti e 4 mi hanno avvolta, coccolata e fatto pensare a qualcosa di mio, mi hanno accarezzata e incuriosita con nuovi profumi e gusti e pensieri, passi e sogni che sto facendo un po' anche io.

Per ora vi lascio ma sto preparando una ricettina...anzi ve ne lascio una che ha coccolato le mie ragazze della Rete al femminile di Vercelli.

Mousse e coulis di anguria
ingredienti x4 persone:
300 gr di anguria (volendo si può fare con melone)
300 gr di panna vegetale da montare (di solito si trova di soia)
2 cucchiaino di agar agar in polvere
2 cucchiai di zucchero integrale

Per la salsa anguria:
300 gr di anguria
acqua
2 cucchiai di succo di limone
80 gr zucchero

4 cucchiai di maizena (amido di mais)

Pulire l'anguria, togliendo i semini vari e taglia
ndo a cubetti. Frullare nel boccale del frullatore con un po’ di zucchero. Sciogliere l’agar agar e far cuocere per 5-6 minuti con un bicchiere di acqua e unire poi l'anguria frullata, fino a sobbollire.
Montare la panna con uno sbattitore elettrico o con la frusta. 
Intanto lasciare raffreddare l'agar agar. Poi mescolare delicatamente la panna vegetale con il composto all'anguria. 
Versare nei bicchieri e lasciar raffreddare e addensare, intanto preparare la coulis: tagliare l'anguria e frullarlo con qualche cucchiaio di acqua in modo da creare una crema e versarla in pentola. 
Aggiungere il succo di limone e lo zucchero (regolarsi a seconda dei gusti e la dolcezza del frutto), e fare sciogliere bene.
Poi aggiungere la maizena, 4 cucchiai se la si vuole un po’ densa o 2 se la si vuole più liquida.
Mescolare bene e far sciogliere la maizena e far rapprendere, far intiepidire e versa sulla mousse.
Se vogliamo una coulis più leggera non usiamo la maizena ma un paio di cucchiai di agar agar.

Servo e me ne vado...a prestissimo promesso
Chloeugi

venerdì 22 maggio 2015

Festeggiamo due anni di Bottega del buon vivere

Sara è una ragazza super: ha aperto un negozio, la Bottega del buon vivere, a Santhià (VC), che va al di là della solita logica dei negozi.
La sua è una vera Bottega, e del Buon vivere ha tanti aspetti: l'accoglienza del suo sorriso, la sua intelligenza creativa che usa per informarmi e aiutare chi entra con domande e dubbi ad uscire con prodotti golosi e perfetti per le esigenze espresse.
E allora è un onore per me aiutarla a festeggiare questo 2°anniversario di questa splendida bottega ricca di prodotti deliziosi con i quali abbiamo deciso di creare queste ricette.

Menu
- Biscotti salati ceci e riso al cumino
- formaggino vegan di noci
- arancini di riso alle verdure
- pizzette ucchinose
- bocconcini di tofu con salsa arachidi e prezzemolo
- triangolo cioccolato fondente al sale e pepe con quinoa soffiata e pistacchi
- cheesecake in bicchiere mirtilli e lime

Biscotti Salati di farina di Ceci e riso al cumino
Ingredienti 
260 g di farina di riso
200 g di farina di ceci
200 ml di acqua
60 ml di olio extra vergine di oliva
sale
basilico fresco o cumino

In una ciotola mettere le due farine insieme ad un generoso pizzico di sale. Aggiungere l’olio, e unire, poco per volta, l’acqua necessaria ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Impastare per alcuni minuti, poi formare una palla e farla riposare per un quarto d’ora. 
Trascorso il tempo del riposo, mettere l’impasto tra due fogli di carta da forno e stenderlo con il matterello. Ripiegarlo su se stesso e stenderlo di nuovo. Ripetere questa operazione un paio di volte in modo da sfogliare la pasta. Infine tirare l’impasto un’ultima volta.
Togliere il foglio superiore di carta da forno tagliare con una rotella dentellata o con coppa pasta a piacere o un taglia biscotti della forma che amiamo. Aggiungere spezie o erbe fresche a piacimento. Spennellare con un po’ di acqua e cospargerla con sale.
Cuocere i crackers in forno ventilato a 200° per 10/12 minuti.

Pizzette zucchinose
Ingredienti
Per la base
4 tazze di zucchine grattugiate
1/4 tazza di farina di mandorle o di farina di riso
5 Tazze di farina di mandorle
1 cucchiaino di origano secco
1/2 cucchiaino di aglio in polvere
pizzico di sale
2 cucchiai di fecola e 2 di acqua (al posto di un uovo)

Per la salsa:
250 gr di pomodori tagliati a cubetti
1 tazza d’olio d’oliva 
2 grossi spicchi d’aglio, tritati
1/2 cucchiaino concentrato di pomodoro
sale e pepe qb

Per guarnire:
mozzarella di riso
10-15 grandi foglie di basilico fresco

Preriscaldare il forno a 200° C, e foderare una teglia con carta da forno.
Frullare le zucchine in modo da sminuzzarle, metterle in uno strofinaccio e strizzarne via l’acqua. Mescolare la farina (di mandorle o riso o altro o mix) con le zucchine, la fecola e l’acqua in modo da creare un impasto. Aggiungere i condimenti. Mescolare molto bene, e mettere sulla teglia o creare delle piccole palline e schiacciarle per ottenere delle pizzette.
Cuocere per 20 minuti o fino a doratura. Togliere dal forno.
Coprire con salsa e condimenti, e passare le pizzette nuovamente al forno per altri 10 minuti.

Bocconcini di tofu con salsa arachidi al prezzemolo
Ingredienti 
Salsa arachidi al prezzemolo
1 tazza di anacardi
1/2 di tazza Acqua calda
4 cucchiai di succo di limone fresco
2 cucchiaio di olio d’oliva
2 spicchio d’aglio
4 cucchiaini di miso bianco
2 cucchiaino di aglio in polvere
2 cucchiaino di cipolla in polvere
6 cucchiai di erbe fresche tritate prezzemolo o basilico
Sale e pepe, a piacere

Bocconcini di tofu
350g di tofu
1/3 tazza di farina di ceci
1/4 tazza di lievito alimentare
1 cucchiaio di senape (qualsiasi tipo: Digione, integrale, ecc)
1 cucchiaino di sale
1 cucchiaino di spezie: peperoncino, curcuma, paprika
1/2 cucchiaino di pepe
1/3 - 1/2 tazza di acqua
2-3 cucchiai di olio extra vergine di oliva

Mettere gli arachidi in ammollo per una notte, per avere una cremosità maggiore. Unire tutti gli ingredienti in una ciotola e frullare con un robot da cucina. Aggiungere acqua calda, se necessario, un cucchiaio alla volta. Incorporare le erbe e condire a piacere con sale e pepe. Mettete in frigorifero fino a quando non servirà.
Per cucinare bocconcini: premere il tofu per circa 10 minuti posizionando un peso sopra al panetto. 
Intanto unire tutti gli ingredienti secchi in una ciotola poi aggiungere lentamente l’acqua, mescolare bene, questa preparazione serve da copertura dei cubetti, quindi deve avere la consistenza della pastella. Aggiungere la senape e mescolare.
Tagliare il tofu in cubetti o in bastoncini, volendo in pezzettoni simili ai bocconcini di pollo.
Passare i pezzi nella pastella e coprirli bene, scaldare l’olio in una padella antiaderente.
Cuocere su entrambi i lati fino a doratura, con cura. Servire con la salsina.

Triangoli di cioccolato salato alla quinoa soffiato e pistacchi
Ingredienti 
225 gr buon cioccolato di qualità 
1/8 cucchiaino di pepe di Caienna
1/4 tazza di quinoa soffiato
1/2 tazza di pistacchi sgusciati, tritato
1/4 - 1/2 cucchiaino di sale marino
1/3 di tazza di zucchero di canna

Foderare una teglia con carta da forno. Sciogliere a bagnomaria il cioccolato.
Mescolarlo con pepe di cayenna e mescolare bene. Versare il cioccolato nella teglia e livellare con una spatola asciutta. Cospargere con la quinoa soffiata, i pistacchi e il sale marino.
Lasciare raffreddare e togliere dalla teglia e rompere in pezzi.

Per la quinoa soffiata, se si vuole farla in casa: scaldare dell'olio e versare la quinoa e far cuocere per circa 3-5 minuti, fino a quando i semi diventano dorati. Conservare in un contenitore ermetico per un massimo di due settimane.

Formaggino vegan alle noci

Ingredienti 
9 noci
400 ml di latte di soia non dolcificato
4 cucchiai di fecola di patate
4 cucchiai di yogurth di soia bianco non dolcificato
100 ml di olio di semi di mais
1 cucchiaino di agar agar in polvere (anche due se lo si vuole da spalmare)

6 pizzichi di sale

Nel boccale del frullatore mettere i gherigli delle noci e l’olio; frullare fino a raggiungere la consistenza di una crema (tutti i pezzettini di noce dovranno essere amalgamati, tenendo conto che le noci contengono dell’olio che sarà utile per creare il nostro formaggio). 
Sciogliere l'agar agar nel latte vegetale, lasciarlo un po' a raffreddare. 
Aggiungere il latte con l'agar agar, lo yogurt e il sale e amalgamarlo con la cremina di noci e olio.
Sciogliere in un pentolino, a freddo, la fecola nel latte di soia rimasto: usare una frusta per mescolare e sciogliere, senza metterlo subito sul fuoco, per far si che si crei prima la consistenza giusta senza grumi. Una volta che la fecola si sarà sciolta e il composto sarà senza grumi e spumoso, aggiungere nel pentolino il contenuto del frullatore, mettere il pentolino su una fiamma medio bassa e cominciare a mescolare con un cucchiaio di legno. In un paio di minuti, sempre mescolando, il composto diventerà sempre più compatto, fino a che si staccherà facilmente dalle pareti del pentolino; a questo punto, cuocere per altri due minuti circa, continuando a girare, e poi spegnere la fiamma. 
Mettere il composto in un contenitore unto d’olio (per esempio una scodella) e lasciarlo raffreddare un po’. Quando il composto sarà più o meno a temperatura ambiente metterlo in frigo e lasciarlo per almeno 8 ore, dopodiché sarà pronto per essere usato.
Con queste dosi ne risulta una scodella quasi piena.

Ora servo e me ne vado...
Chloeugi

lunedì 4 maggio 2015

Il cibo è la risposta...

In questi giorni così intensi sempre più si fa strada la conferma che il cibo è davvero una risposta a tante questioni. Ci coccola, ci cura, ci vizia...il cibo è vita! E lo dico ora che sono un po' a dieta, parola che fa rabbrividire i più ma nel mio caso mi fa stare bene un aiuto sia per i kg acquisiti negli anni (soprattutto in inverno) e per la mia tiroide che ha bisogno di una mano.
E la persona che mi ha aiutata, un dottore endocrinologo che è anche dietista, mi ha davvero capita e non giudicata (o criticata, azioni che compio da sola senza bisogno di aiuto!!!).
Ultimamente sto cucinando molto per il progetto Merende diverse, per i corsi di cucina e altre piccole chicche. E ho cucinato per me, ricette gustose e che mi stanno facendo bene.
Oggi a pranzo mi sono preparata un bel risotto semplice alle zucchine, senza grassi ne ingredienti strani.

Risotto alle zucchine light
Ingredienti per una persona
- 80/100 gr di riso (io ho usato un bel riso parboiled)
- 30 gr di zucchine
- 1/2 cipolla rossa
- 1 spicchio d'aglio senza anima
- brodo vegetale
- 1 cucchiaino di olio
- 10 gr di panna vegetale
- sale e pepe 
- brodo vegetale

Preparare un bel brodo vegetale, io ho usato un dado fatto da me tempo fa, ma va bene anche un dado bio con poco sale. Creare un bel soffritto di cipolla e aglio (volendo anche un pezzetto di sedano e di carota) e versarlo in una padella antiaderente e il riso, tostare bene il riso. Versare man mano mestolate di brodo per far si che si cuocia. Dopo 4/5 min aggiungere le zucchine e continuare a cuocere e mescolare il riso. 
A fine cottura versare un cucchiaio di panna vegetale e mantecare. Servire con una spolverata di pepe ed è pronto! 

Poi mi gusterò un paio di kiwi che sono buonissimi è molto dolci.
Nel pomeriggio mangerò uno yogurt di soia sicuramente dopo allenamento (sono al 17simo giorno del 30 days shred ve lo consiglio, intenso ma porta dei veri benefici e risultati evidenti già dopo il 5 giorno).

Per quanto riguarda i progetti: le Merende vanno avanti e siamo state allo Smau, con grandissima soddisfazione abbiamo ricevuto spunti e ottimo feedback. I corsi di cucina a maggio saranno a tema Celiachia. A breve finito anche il mio nuovo progetto on line per parlare di me non sono di cucina ma del mondo che ho creato che unisce grafica/comunicazione e cibo/passione.

Ora servo e me ne vado a gustarmi la giornata! 




venerdì 24 aprile 2015

Doppietta di emozioni...

Il giovedì è il mio giorno preferito. 
Perché la settimana sta volgendo al termine, perché posso dedicarmi per tutto il giorno ad un progetto pazzesco con due socie meravigliose, perché ...non so ma ultimamente è il MIO giorno preferito.
E ieri ne ho avuto la conferma. 
Una bella sorpresa mi ha attesa in edicola: una intervista sulla La Stampa locale, grazie a Roberta Martini, e un trafiletto-recensione su Sale e pepe Veg
Ma cosa voglio di più?!?
Voglio ringraziare chi mi ha sempre sostenuta, chi mi sostiene ogni giorno e chi lo farà. 
Chi assaggia le mie ricette, le persone che mi danno fiducia, tutti i miei allievi dei vari corsi tenuti fino ad ora perché è grazie a tutti voi che la mia passione ha preso forma e si è concretizzata in vari progetti ed eventi.
Ma non bisogna mai fermarmi, Chi si loda si imbroda (o roba simile :)) e io devo ancora fare molta strada, seminare molti altri semini, raccogliere altre soddisfazioni e ...sfornare altri dolcini!

Ora servo e me ne vado...a coltivare i miei sogni!
Chloeugi


lunedì 20 aprile 2015

Te nel deserto e dolcetti rivisitati


La domenica ha un sapore diverso quando si è impegnati in progetti così avvolgenti. Dopo mesi di chiacchiere e di progetti che sembravano sogni e non obiettivi da raggiungere tanto belli e intensi si presentavano ai nostri occhi. E invece...e invece eccoci qui a raccontare una domenica diversa, piena di stimoli olfattivi, tattili e gustativi, di coccole e donne che imparano a volersi bene.
Grazie a Mudra, come sempre, ad Antonella e Beatrice per essere così pazzesche, appassionate e coinvolgenti. Perché rendono la presentazione di prodotti naturali davvero ottimi, in un'esperienza multi sensoriale, un viaggio senza spostarsi fisicamente ma sostenuti dalla forza dell'evocazione e dai profumi di terre lontane.
E così è nato il Te nel deserto: un piccolo buffet di dolcetti da me rivisitati utilizzando gli ingredienti base dei prodotti presentati. Dai fiori d'arancio ai datteri, passando da mandorle e pistacchi per arrivare allo zucchero di canna...

Il menu del te insieme è stato:
  • Tè verde alla menta e pinoli tostati
  • Datteri ripieni di marzapane ai pistacchi 
  • Muhallalabia budino di riso
  • Makroud pepite dolci al miele e datteri
  • Ghraybeh biscottini ai fiori d’arancio e mandorle
  • Basbousa rombi al semolino e acqua d’arancio
  • Biscotti al tahin e semi di sesamo
  • Haroset tartufi mandorle e datteri alla cannella e cacao

Vi lascio qualche ricettina, sono un po' rivisitate rispetto all'originale, quelle che sono piaciute di più:

The verde alla menta
Ingredienti x 6 persone
- 1 litro d’acqua
- 2 cucchiai di tè verde in foglie, (ad es quello del commercio equo e solidale)
- 2 cucchiai di zucchero
- 1 abbondante mazzetto di menta fresca
- 1 manciata di pinoli tostati

Mettere a bollire l’acqua. Raggiunto il bollore toglierla dal fuoco, aggiungere il tè e la menta intera, non solo le foglie, anche il gambo, piegata a metà.
Coprire e lasciare in infusione per qualche minuto, poi filtrare e zuccherare. 
Tostare una manciata di pinoli e metterli sul fondo dei bicchieri.

Datteri ripieni di marzapane ai pistacchi
Ingredienti x 6 persone
- 12 datteri morbidi 
- 30 g di pistacchi sbollentati, non salati e non tostati
- 20 g di zucchero a velo
- 25 g di margarina (fatta in casa sarebbe meglio)
- 1 cucchiaino di acqua di rose o d’arancio o di limone

Tritare grossolanamente 5-6 pistacchi e mettere da parte per la decorazione, frullare il resto dei pistacchi con zucchero a velo, fino ad ottenere un composto omogeneo. Versare la margarina fusa precedentemente e l’acqua di rose o l’acqua di arancio. 
Mescolare di nuovo fino ad ottenere un impasto morbido, facilmente malleabile. Se la pasta è troppo dura, mescolare 1 cucchiaino di acqua.
Aprire longitudinalmente i datteri, togliere il nocciolo e riempire con il marzapane. 
Cospargere con pistacchi tritati e servire con il tè alla menta.

Truffle Haroset
Ingredienti (per 20 truffles) 
- 225 g di mandorle pelate 
- 225 g di datteri snocciolati 
- 1 mele sbucciata, denocciolata e tagliata a quartini 
- 1/2 cucchiaino da tè di cannella in polvere 
Per decorare: cacao amaro, pistacchi tritati e cocco

Il giorno prima: mettere le mandorle in un frullatore e aggiungetevi i datteri, le mele e un cucchiaino di cannella in polvere e continuare fino a che le mele saranno in pezzettini. 
Coprire con la pellicola trasparente e mettere in frigo.
Trascorso il tempo di riposo, dare forma all’impasto realizzando delle palline grandi quanto una biglia e rotolarle nella cannella oppure nel cacao amaro. 
Altra versione molto gustosa con pistacchi tritati e cocco, o mandorle e noci. 
Conservare in frigo e per esperienza, considerare che più giorni passano, più buoni diventeranno.

Biscotti al tahin ricoperti di semi di sesamo
Ingredienti per due teglie di biscotti
- 140 g di farina 00
- 140 g di farina integrale
- 1 bustina di lievito per dolci
- 150 g di tahini
- 120 g di margarina fatta in casa o comprata
- 150 g di zucchero di canna
- 1 cucchiaio di estratto di vaniglia
- 2 cucchiai di acqua fredda
- un pizzico di sale
- semi sesamo (facoltativi)

Raccogliere nel boccale del frullatore tutti gli ingredienti, fatta eccezione dell’acqua. Azionare e far amalgamare gli ingredienti. 
Per iniziare ad impastere, aggiungere l’acqua fredda e appena l’impasto si compatterà spegnere e rovesciare su un piano di lavoro per formare una palla di pasta. Avvolgerla nella pellicola e lasciare in frigorifero per un’ora.
Accendere il forno a 180°. 
Rivestire con un foglio di carta da forno una teglia, riprendere l’impasto e creare delle palline e disporle nella teglia, schiacciarle leggermente usando un bicchiere o un cucchiaio, cospargerle di semi di sesamo. 
Infornare per 12 minuti, attenzione che non diventino scuri, e sfornare.
Lasciare che i biscotti intiepidiscano prima di mangiarli. 
Si conservano per 3/4 giorni.

Ora servo e me ne vado...tutti 'sti dolcetti e sono a dieta!
Chloeugi

venerdì 17 aprile 2015

Polpette easy e relax prima di un evento


Sono settimane meravigliosamente piene di impegni e progetti emozionanti.
Ho cominciato anche 30 days shred, programma di allenamento di 30 giorni di Jillian Michaels. 
3 livelli, uno ogni 10 giorni, 25/30 min di allenamento a casa senza pause!
Continuo la dieta fatta dal mio super endocrinologo che non solo serve per dimagrire ma aiuta la mia tiroide!
Stasera avevo delle polpette di soia e ho pensato di fare una piccola variazione non avendo la soia secca. Sono venute delle polpette velocissime e super buone, molto light.


Polpette di tofu e finocchi
Ingredienti x2:
- 1 panetto di tofu da 120 gr
- scarti di 1 finocchio
- 2 cucchiai di farina di riso
- 2 cucchiai di pangrattato di riso
- 1 cucchiaio di concentrato di pomodor- - olio
- sale e pepe
- succo di limone 
- salsa di soia

Frullare il tofu e i finocchi, aggiungere il concentrato di pomodoro, la farina, il pangrattato, salare e pepare a piacimento. Creare delle palline e poggiarle su una teglia coperta da carta da forno, cospargere con un po' d'olio e cuocere per 20 minuti a 180'C. Servire  con finocchi freschi e succo di limone.

Ora servo e me ne vado a mangiarmi queste splendide polpettine!
Chloeugi 

martedì 14 aprile 2015

Cheesecake ai mirtilli e 16 cuochine allegre

Il weekend è stato pazzesco! Pieno di impegni divertenti e impegnativi. Quello sicuramente più importante una bella lezione di cucina per un gruppo di 16 ragazze che festeggiavano un addio al nubilato. Le ringrazio per avermi coinvolta e per aver cucinato con me facendomi ridere tantissimo! 
Il menù era gustoso con ricette semplici ma sfiziose. 
Quella che sicuramente ha colpito di più, anche in rete visto che avevo condiviso l'immagine prima dell'evento, è stata la Cheesecake vegan ai mirtilli e lime, un mio nuovo cavallo di battaglia, a prova di onnivoro! 
Come si crea questo tripudio di bontà?

Cheesecake vegan mirtilli e lime
Ingredienti per una torta grande
- 2 pacchi di biscotti tipo gran cereali ma senza latte/burro/uova 
- 140 gr di margarina fatta in casa o comprata meglio se bio
- 2 cucchiai di malto o sciroppo d'agave o d'acero 
- 2 confezioni di panna di soia o vegetale da montare
- 250 gr di yogurt di soia ai mirtilli
- 1 cucchiaino di agar agar in polvere
- 100 ml di latte di soia
- 1 tazza di mirtilli
- zucchero integrale
- 1 lime e 1 limone 

Per la margarina 
   - 100 ml di olio di mais o semi
   - 50 gr di acqua a temperatura   ambiente
   - 20 gr di lecitina di soia granulare
   - 1 cucchiaino di agar agar in polvere

La margarina è molto semplice da fare: sciogliere l'agar agar nell'acqua e lasciamo raffreddare. Poi versare tutti gli ingredienti nel boccale del frullatore ad immersione e frullare finché si addensa. Mettere in frigo per almeno 30 minuti poi è pronta per essere utilizzata!
Per prima cosa frullare o sminuzzare i biscotti per bene poi aggiungere la margarina, meglio se sciolta con il malto (o altro dolcificante liquido scelto) affinché si mescolò al meglio alla farina appena ottenuta. Prendere la tortiera a cerniera e foderarlo con un foglio di carta da forno sul fondo e ungere un po' i bordi.
Creare il guscio premendo l'impasto con i biscotti umidi e con le mani compattare bene il tutto, in modo da creare il fondo ma anche i bordi biscottati. Se preferite avere solo il fondo a biscotto stendete un fondo più alto.
Sciogliere l'agar agar nel latte e farlo bollire 2 minuti. Lasciarlo raffreddare. 
Creare il ripieno montando la panna il più soda possibile. Il segreto è lasciare a raffreddare il contenitore e il pezzo del frullatore in freezer per almeno un'ora. Mischiare con lo yogurt la panna in maniera delicata in modo che non si smonti, girando dal basso verso l'alto.
Riprendere la base e ricoprirla distribuendo bene il composto livellando con la spatola.
Creare la coulis frullando metà tazza dei mirtilli con un paio di cucchiai di zucchero e il succo del limone e usarla per coprire la torta.
Decorare con mirtilli e con lo zest del lime.
Lasciarla rassodare in frigo per almeno 3-4 ore, si mantiene in frigo per 4 giorni sempre che non siate molto golosi!

Il menù della serata è stato:
Bellini e Rossini
Crostini con paté di Seitan al vino bianco 
Farinata al cipollotto
Pasta al pangrattato limone e olive nere
Spiedini di tofu marinato con verdure e salsa tzaziki vegan
Insalata spinaci novelli e fragole
Hummus di piselli e pomodori secchi
Muffin al cioccolato piccante

Ora servo e me ne vado, sono davvero felice del mio sabato sera alternativo!
Chloeugi 





domenica 29 marzo 2015

Di panne cotte e chiacchiere in rosa


Ho mille agende, planning, planner, reminder, post it...e più ne ho più ho la conferma che sono un'accumulatrice di impegni!
Queste settimane volano davvero come foglie al vento e io ne sono felice ma poi...ecco che il mio corpo mi da segnali inequivocabili che devo rallentare.
Si accavallano impegni stupendi: eventi, corsi, lavori, la startup...mamma mia!
E allora sotto!
Ieri sera l'incontro della Rete al femminile di Vercelli, di cui sono la leader, davvero molto intenso e proficuo, tra chiacchiere, confronti e un po' di obiettivi da stabilire.
Ringrazio il Faktory che ci ha gentilmente ospitate e date la possibilità di sfogarci anche creativamente, allestendo un po' lo spazio che ci hanno dato rendendolo un po' fru fru!
Ma si può mica ragionare a stomaco vuoto? No di certo!
E allora cosa ho preparato (e non mangiato...perché sono a dieta!).

Menu Talenti da sgranocchiare
- Hummus di cannellini alla curcuma con focaccia al rosmarino
- Girelle alle olive nere e alle olive verdi
- Tarte tatin al pesto di pomodori e pomodorini in agrodolce
- Mini muffin al limone
- Panna cotta vegan con coulis alle fragole

Amo la primavera perché porta frutta e verdura davvero buona, come le tanto amate fragole con le quali ho creato una panna cotta partendo dal latte di soia, senza uso di panne vegetali, facendomela in casa.

Panna cotta vegan con coulis di fragole
Ingredienti per 12 (in bicchieri piccoli o 6 in ciotoline da dolce)

- 400 ml di panna fatta in casa
- 100 ml di latte di soia alla vaniglia (o anche naturale poi aggiungere vaniglia)
- 110 gr di zucchero di canna
- 1 cucchiaio e 1/2 di agar agar in polvere

Per la panna vegetale fatta in casa (ricetta mia modificata dopo vari esperimenti)
Ingredienti
- 200 ml di latte di soia
- 380 di olio di mais o di semi di girasole
- 1 cucchiaino di agar agar in polvere

Come primo passaggio, preparare la panna in casa, sciogliendo  in un pentolino l'agar agar con 50 ml di latte e lasciare raffreddare. Intanto versare il latte rimasto in una brocca per il frullatore ad immersione e iniziare a versare a filo, mentre frulliamo, l'olio per montare la panna. Meglio se questa operazione viene fatta con gli strumenti un po' freddi, magari mettendo in freezer o in frigo per un po' la parte del frullatore e la ciotola che useremo.
Unire l'agar agar sciolto e frullare ancora. Ora è pronta per essere usata per il nostro composto.

Preparare la panna cotta: sciogliere a freddo l'agar agar in un pentolino con il latte, poi aggiungere la panna fatta in precedenza, lo zucchero di canna e mescolare, portando poi a bollore per almeno 3/5 minuti. Versare negli stampi, ciotole o bicchierini e mettere in frigo, una volta raffreddato a sufficienza per non rovinare l'elettrodomestico.

Coulis alle fragole
- 250 gr di fragole
- 30 gr zucchero di canna/integrale
- succo di 1/2 limone
- 150 ml di acqua
- 1 cucchiaio di agar agar in scaglie

Tagliare le fragole e metterle in una casseruola con il succo di limone, lo zucchero, l'acqua e il cucchiaio di agar agar e far sobbollire, finché non si asciuga il liquido. Poi frullare o passare al colino in modo da avere una bella coulis liscia.

Una volta addensato versare a cucchiai la coulis per creare quello bello strato rosso che stacca da quello bianco della panna. Si può fare anche con altri frutti di bosco, con lamponi ad esempio o con i mirtilli e aggiungere qualche ricciolo di lime o limone.

Un buon esperimento...a quanto mi hanno detto!
L'agar agar è magico, oltre che utile per aiutare l'intestino.
Vi consiglio di provare a sostituire lo zucchero integrale o di canna con malto o con sciroppo d'acero o succo d'agave perché danno un gusto ancora più vellutato.

Ho cucinato tanto ma n'è valsa la pena, si sono sbafate tutto!

Ora servo e me ne vado che ho ancora il naso che cola, troppa stanchezza, merito un po' di riposo.
Chloeugi

mercoledì 18 marzo 2015

Un buono...tutto da gustare

A Natale ho ricevuto un sacco di regali meravigliosi. Uno su tutti per me ha rappresentato un motivo di estrema gioia, che ho conservato fino al momento giusto. Il buono in un negozio di cosine per la casa e la cucina!!!
E cosa ho comprato un bel po' di pirottini colorati per i miei muffin e i dolcetti che preparerò per il prossimo evento... a breve vi racconterò...un vassoio da portata di vetro, i conetti per fare i cannoli, un porta muffin da viaggio e uno stampo da ciambella!
Mi mancava proprio e non vedevo l'ora di provarlo.

Primissima ricetta una ciambella arancio e gocce di cioccolato per le mie amiche, per una cenetta per aiutare una futura sposina a scegliere fiori, centri tavola e altre chicche!

Ciambella arancia e cioccolato
Ingredienti
- 250 gr farina
- 20 gr amido di mais
- 1 bustina di cremor tartaro+ 1/2 cucchiaino di bicarbonato
- 100 gr di zucchero integrale o di canna
- 100 ml di succo d'arancia appena spremuto
- 120 gr di yogurt di soia neutro
- 90 ml di olio di semi o mais
- 1 pizzico di sale
- 30 ml di acqua
- 100 gr di gocce di cioccolato o una tavoletta da sminuzzare

Le uova che normalmente si usano per creare una ciambella soffice, le ho sostituite con 120 ml di yogurt che equivalgono a 2 uova circa e 20 gr di maizena sciolte in un po' d'acqua per sostituire il terzo uovo.
Il resto vien da sè: mescolare prima gli ingredienti secchi: farina, zucchero, cremor tartaro e bicarbonato, la maizena sciolta nell'acqua e il pizzico di sale dopo aver mescolato ben bene. Mescolare in una brocca quelli liquidi: lo yogurt, l'olio, il succo e il cioccolato a pezzetti e mescolare con il composto secco creando una bella crema da versare nello stampo precedentemente oliato.
Infornare a 170°C per 30 minuti.
Io l'ho cosparso di sciroppo d'acero e zucchero di canna e voilà!

In questi giorni ho tenuto due cicli di lezioni di pasticceria naturale davvero intense e divertenti, dedicherò un post con alcune delle ricettine così da farvi vedere...cosa vi siete persi! :)

Comunque, visto che sono un po' raffreddatina - sarà la stanchezza? i troppi impegni? il cambio di stagione repentino? il bambino che mi starnutisce addosso 3 ore a settimana? - ho deciso di fare una coccola a me e al Lassagiatore con una bella ciambella all'arancia e cioccolato. 

Ciambella soffice al cacao e arancia
Ingredienti per una teglia di media misura:
- 250 gr di farina 0 (volendo mescolare 50 gr di farina di grano tenero integrale e 200 di farina 0)
- 30 gr di cacao amaro
- 150 gr di zucchero integrale
- 1/2 cucchiaino di bicarbonato
- 1 bustina di lievito o cremor tartaro
- 80 ml di olio di mais o di semi di girasole
- 50 ml di succo d'arancia
- 250 ml di latte di soia o latte di riso o avena
- scorza di un'arancia
- 100 gr di cioccolato al 72% sminuzzato

Setacciare la farina, il lievito, il cacao, lo zucchero e il bicarbonato. 
Sminuzzare la scorza di arancia e spremerla usando il succo per iniziare ad amalgamare il tutto. Sminuzzare il cioccolato e tenerlo da parte. 
Mescolare olio e latte e poi usarlo per amalgamare gli ingredienti secchi. 
Aggiungere il cioccolato ed immergerlo nell'impasto. 
Ungere lo stampo e versare il composto stando attenti a non versarlo nel buco!
Cuocere a 180°C per 35 minuti, fare la prova stecchino per controllare la cottura.

Consiglio di usare sempre la maizena e l'acqua o lo yogurt per rendere composto più soffice e meno friabile ed asciutto.

Sto studiando qualche ricettina per il mio splendido compagno che domani compie gli anni, ma sarà magnanima e on dirò quanti sono... 
Essendo però lui grande amante delle schifezze, cercherò di rendere un po' più naturali le ricette che ama: bounty, nippon, twix, torte super cioccolatose...non ho detto dietetiche, ho detto naturali!

Per chi fosse interessato ai miei corsi, a maggio terrò tre lezioni di pasticceria per celiaci, tutte quelle ricettine che si possono fare senza impazzire, in semplicità e con tanto gusto!

Ovviamente mi sfogo ora perché a brevissimo mi sono ripromessa di rirpendere attività fisica e limitare un po' le abbuffate (sempre giustificate da eventi...ma qui qualche kg devo perderlo prima dell'estate che sembra lontana ma sai com'è ti giri un attimo e tac....eccola alle porte!).

Ora servo e me ne vado ad assaggiare questa bontà soffice e cioccolatosa

Chloeugi 




sabato 7 marzo 2015

La primavera si fa sentire

Finalmente un po' di sole e di vento pazzerello che scompiglia i miei capelli (che stanno diventando lunghissimi, grazie titoide che stai tornando a lavorare!) e i miei pensieri.
Ieri ho deciso che fosse il momento giusto per piantare nuovi semini di piante aromatiche per la mia cucina è la mia vita! Simbologie a parte, ho dedicato un po' di tempo alla piccola serra sul balcone in una rara ora libera e di sole che finalmente si è fatta viva nella mia agenda stra piena di impegni (la maggior parte stupendi, però sono settimane deliranti!).
Ed ecco il risultato: un vaso con coriandolo e erba cipollina, uno di sola menta, uno di aneto e salvia, è uno di rosmarino che fa compagnia a quello dell'anno scorso. Più un vaso di basilico e pomodorini! Non vedo l'ora di sentire il profumo di tutte queste aromatiche e di poterle usare per i piatti primaverili che mi frullano per la testa. 
Ora pulizie e progetti, e un po' di relax per ricaricare le batterie! 
E magari anche una bella spesa di frutta e verdura che qui le carote si sentono sole! 
Servo e me ne vado, buona primavera alle proteste a tutti!
Chloeugi 

domenica 22 febbraio 2015

A Carnevale ogni muffin vale!

Quest'anno le piogge ci stanno mettendo a dura prova. Dopo mesi di preparativi per il carnevale ci sentiamo un po' stressati per i rinvii delle sfilate ma siamo ancora carichi di entusiasmo. 
E ci stiamo preparando: vestiti, trucchi, balletti e...dolcetti! 
Ecco cosa ho preparato per gli splendidi sfilanti del nostro rione:

Muffin al cacao al profumo di arance
Ingredienti per 36 muffin (eravamo in tanti!)
- 300 ml di succo d'arancia 
- 300 ml di latte di soia
- 140 ml di olio di mais o di semi deodorato  
- 2 cucchiaini di aceto di mele + 2 di bicarbonato
- 1 pizzico di sale 
- 160 gr di zucchero di canna integrale
- 50 gr di cacao 
- 250 gr di farina 0 
- 150 gr di farina integrale di grano tenero
- 2-3 arance

Grattugiare la buccia di arancia e tenerla da parte in una ciotolina, poi spremere il succo e misurarlo aiutandosi usando un contenitore graduato e portate a 300 ml aggiungendo acqua. 
Setacciare la farina, il bicarbonato ed il cacao. Unire lo zucchero e la scorza di arancia, l'olio, il sale e l'aceto mescolando bene con una frusta.
Aggiungere la parte liquida agli ingredienti secchi. Preparare i pirottini nella teglia da muffin e versare il composto dosandolo con il pallinatore da gelato, non riempire fino all'orlo ma solo per 2/3 del pirottino di carta, il muffin si gonfierà!
Cuocere a 180°C per 25/30 minuti controllando con lo stecchetto. 
Guarnire con zucchero integrale, o sciroppo d'acero e qualche scorzetta di limone o di arancia. 


Se li sono spazzolati tutti, incredibile quanto i dolci piacciano nonostante io non abbia usato prodotti di origine animale...non è una lamentela solo una considerazione perché per me essere d'esempio è importante e forse arriva di più come messaggio, o è il primo step per una scelta consapevole. Ora vado a togliermi i coriandoli di dosso...

W il carvé servo e me ne vado 
Chloeugi

mercoledì 4 febbraio 2015

Quando l'agenda scoppia e piatti veloci

Ho letteralmente l'agenda ubriaca di impegni ed emozioni. 
Il carnevale si avvicina e i lavori da fare per i miei svariati lavori stanno (fortunatamente) aumentando.
Ovviamente il dente del giudizio ha deciso di far parte di questo periodo è lo capisco o forse lo ringrazio perché a breve mi obbligherà a stare ferma e riposarmi per qualche giorno.
Che ho fatto di bello? Beh non posso ancora anticipare molto ma Merende Diverse sta andando avanti alla grande e a breve ne saprete di più.
I miei corsi di cucina stanno nascendo e a marzo ci divertiremo a cucinare dolci e dolcetti in 3 serate presso le cucine di città studi di Biella, sembra che dovrò fare il bis!!!
Sto buttando giù altri progettini ma...vi lascio un po' a marinare nella curiosità 
Il carnevale, dicevamo, è alle porte e noi siamo quasi pronti.
In questi giorni ho cucinato piatti semplici e gustosi, posto qualcosina qui sotto, so che sono davvero ricettine super semplici ma volte non ho tempo neanche di mangiare su un tavolo che non sia la mia scrivania!

Qualche delizia me la sono concessa, apprezzate anche dal mio compagno.

Pasta pasticciata con zucchine e pomodorini 
Ingredienti
Per la besciamella vegan 
- 500 ml di brodo vegetale
- 40 gr di farina 0 o integrale
- 40 gr di olio extravergine
- 1 pizzico di noce moscata
- Sale e pepe
Creare una polentina con farina e olio, mescolando bene con la frusta in modo che non si formino grumi. Versare il brodo sul composto di farina e olio, aggiungere un pizzico di sale e qualche grattata di però è mettere sul fuoco e mescolare finché si addensa. Una volta pronta correggere si sale e aggiungere noce moscata.

Cuocere la pasta integrale e preparare le verdure in padella con un filo d'olio. Quando tutti i componenti sono pronti versare la pasta nel Wok con verdure e besciamella. 

Muffin all'arancia e zucchero di canna
Ingredienti per 24 muffin medi
- 275 gr di farina
- 40 gr maizena 
- 100 ml di olio evo leggero
- 1 bustina di lievito o cremor tartaro
- 300/350 ml di spremuta fresca di arancia
- 230 gr di zucchero integrale
+ zucchero per guarnire 

Mescolare gli ingredienti secchi poi versare e amalgamare con quelli liquidi.
Dosare con il pallinatore da gelato, e versare nei pirottini nella teglia e cuocere a 180' per 30 min. Intanto sciogliere tre cucchiai di zucchero in un bicchiere d'acqua. Una volta cotti usare questa bagna per rendere più morbidi e gustosi i muffin e spolverarli con zucchero.

Piatto veloce per un pranzo al volo!

Cavolfiore saltato con briciole di pane e hummus ai capperi
Ingredienti per uno
- 200 gr di cimette di cavolfiore
- 2 cucchiai di pangrattato
- olio
- sale e pepe
- curry (se vogliamo gusto più intenso)
Tagliare le cimette e immergerle in una pentola piena d'acqua salata, quando bolle, 10 minuti e scolarli.
Saltarli in padella con olio, sale e pepe, e
Pan grattato.

Hummus cannellini con olive e capperi
Ingredienti per un po' di persone
- 240 gr di cannellini
- 4 cucchiai olio 
- succo di limone 
- 2 cucchiai di olive
- 1 di capperi
- sale 
Frullare tutti gli ingredienti fino ad avere consistenza desiderata.
Servirlo di fianco ai cavolfiori e sul pane integrale, o con le verdure crude o come condimento per cereali.

Ora servo e me ne vado
Chloeugi 


domenica 18 gennaio 2015

Ospiti in tv da Zanzega

Quando il mio amico Stefano Momenté mi ha scritto "Vuoi venire come ospite con me in un programma televisivo, a cucinare le tue ricettine?" come mio solito, mi sono fatta prendere dall'entusiasmo e dalla voglia di rivedere un caro amico. 
Poi, a pochi giorni dall'evento, ecco salirmi l'emozione: cosa cucinare, come impiattare, come parlare, come vestirmi...insomma, leggere paranoie che fanno però bene al cuore.
Pensando a cosa cucinare che fosse vegan, gustoso ma leggero, visto il periodo in cui ci troviamo (dopo le ferie...), che fosse veloce e bello da vedere.

Ecco il menu che ho presentato:

Quinoa e bulgur con pout pourri di verdure invernali
Ingredienti per 4
- 280 gr di quinoa e bulgur (io ne ho trovato uno buonissimo cottura 10 min)
- 6 cucchiai olio
- 1 rametto rosmarino 
- 3 foglie salvia (facoltativo)
- 1/2 cucchiaino di cumino
- 1 scalogno
- 250 gr fagiolini verdi 
- 200 gr cavolfiore
- 200 gr zucca
- 1/2 cucchiaino di cannella
- 1/2 cucchiaino di zenzero
- 2 cucchiai salsa di soia
- 2 cucchiaini sale alle erbe 
Perché ho scelto la quinoa? Perchè, dopo le ferie siamo tutti un po' appesantiti e questo finto cereale,  pianta erbacea della stessa famiglia degli spinaci e della barbabietola, è leggera e dalle mille proprietà. Contiene; fibre, vitamine (gruppo B e la vitamina E) e minerali, tra i quali calcio, fosforo, magnesio, ferro e zinco, grassi prevalentemente insaturi, comparabili a quelli della soia. Inoltre è particolarmente indicata per i celiaci, in quanto totalmente priva di glutine, e, non ultimo, ha un buon apporto proteico.

Cucinare la quinoa è molto semplice. Per prima cosa porre i semi in un colino e sciacquarli bene con abbondante acqua fredda, per eliminare eventuali residui di saponina, una sostanza presente nella pianta che può conferire al seme un sapore amaro; poi versare la quinoa in una pentola e aggiungere acqua in quantità doppia rispetto al peso del finto cereale (es 1 tazza quinoa 2 di acqua) e cuocere per 15-20 minuti, fino al totale assorbimento. Per quanto riguarda il bulgur in commercio ce ne sono di due tipi uno crudo e uno precotto. Per quanto riguarda la cottura: per quello crudo ci vogliono circa 15 minuti in una quantità d’acqua pari a 2,5 volte il suo volume (basta moltiplicare il peso del bulgur per 2,5 per ottenere il peso dell’acqua da utilizzare. Per 200gr di bulgur, ad esempio, si dovranno usare 500gr di acqua). Durante la cottura il bulgur assorbirà tutta l’acqua; dopodiché è meglio lasciarlo riposare per circa 10 minuti. Per il bulgur precotto bisogna metterlo in ammollo per circa 20-30 minuti, poi cucinato come il bulgur crudo, utilizzando però 2 parti di acqua (es. 400gr di acqua per 200gr di bulgur), e anche in questo caso dovrà riposare circa 10 minuti dopo la cottura. Il bulgur è un alimento costituito da frumento integrale, grano duro germogliato, che subisce un particolare processo di lavorazione ha una buona fonte di fibre, vitamine del gruppo B, fosforo e potassio. Ha un indice di sazietà piuttosto elevato, che è una delle principali caratteristiche dei cereali integrali in chicchi. 
Ho deciso di usare un mix  perché lo trovo soddisfacente dal punto di vista calorico e nutrizionale, oltre a dare fibre e vitamine e sali minerali, utili per smaltire i bagordi delle feste, ha un buon gusto e consistenza. Piace a tutti, ma ho notato che da solo la quinoa non incontra lo stesso favore del suo concorrente couscous e allora usiamo il cugino più sano, il bulgur per riempirci il piatto di verdure e cereali.

Procedimento della ricetta
Come prima cosa cuocere i cereali. Dopodiché condirli con salsa di soia e qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva. Intanto preparare le verdure in un tegame a fuoco moderato, Devono essere tagliate a pezzetti piccoli in modo che cuociano velocemente. Preparare le verdure, per velocizzare un po' l'operazione, cuocere al vapore i fagiolini, sbollentare il cavolfiore tagliato a cimette e cuocere 15 minuti in forno la zucca tagliata a dadini, in modo che siano tutte già pronte per saltarle in padella. Condirle con olio e spezie e servire con la quinoa e bulgur impiattata con un coppa pasta su un bel piatto da portata, con un filo d'olio, un paio di foglie di prezzemolo e una spolverata di peperoncino o pepe a seconda dei gusti. 

Insalata invernale mele e noci
Ingredienti:
- 1 mela verde 
- 1 rametto di ribes fresco
- 100 gr di  rucola o valerianella o lattughino
- 1 finocchio
- una manciata di noci 
Tagliare la mela a fettine sottilissime insieme al finocchio: in una ciotola versate la rucola o valerianella o altra insalata, a seconda dei gusti, e aggiungere la mela e il finocchio precedentemente tagliati. Aggiungete una manciata di noci e una manciata di ribes rosso fresco. Condire con olio, sale e limone.
Carpaccio carote
Ingredienti:
- 8 carote grandi
- 6 cucchiai d'olio
- 1 cucchiaio prezzemolo e 1 di basilico tritato
- 50 gr semi di lino e 50 gr pinoli
- 1/2 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato
- succo di 1 limone
Pulire e tagliare le carote con un pela patate per ottenere delle fettine lunghe e sottili e disporle su un piatto da portata. Preparare il condimento con l'olio, il succo di limone e di zenzero (spremendo la polpa grattugiata), i pinoli, i semi di lino, gli aromi e il sale mescolando bene tutto in un mortaio. Versare la salsa sulla carota e lasciare che si impregnino bene della salsina per 30 minuti.
Polpette di ceci e e pangrattato
Ingredienti:
- 1 tazza di ceci già cotti-
- 1 patata bollita in acqua salata per 20/30 minuti
1/2 tazza di mandorle
- 1/2 spicchio d’aglio
- la scorza di 1 limone
- pangrattato 
- sale e pepe
- olio extra-vergine d’oliva 
Mettere nel mixer tritate i ceci già cotti, le mandorle, l’aglio e aggiustare di sale e pepe. Schiacciare la patata a parte con una forchetta e unire il tutto cercando di create un impasto morbido e compatto. Aromatizzare con scorza di limone e formare palline, passandole nel pan grattato e disporle su un piatto con riccioli di limone e sale e pepe. 
Baci di dama vegan e light
Ingredienti
230 gr di farina per dolci
- 70 gr di mandorle
- 120 gr di zucchero di canna/integrale
- 60 ml di olio di semi
- 70 ml d’acqua
- 1 cucchiaino raso di bicarbonato
- 2 cucchiai di crema alle nocciole  (malto alle nocciole)
- 2 cucchiai di cacao amaro
- 2 cucchiai di sciroppo di acero
- 2 cucchiai di olio di mais
- 2 cucchiai di latte di mandorle o vegetale a scelta (se serve)
Sciogliere  in un pentolino lo zucchero nell’acqua, poi aggiungere olio, mescolando con una frusta. In una ciotola versare farina, mandorle precedentemente tritate finemente e il bicarbonato, mescolare prima con un cucchiaio, poi versare i contenuto del pentolino. Cercare di impastare con le mani fino ad ottenere una pasta uniforme. Avvolgere l'impasto con la pellicola e metterlo in frigo a riposare almeno mezz'oretta. 
Togliere la pasta dal frigo e impastarla velocemente per renderla più malleabile. Formare palline piccole (circa un cucchiaino da te di impasto) e stenderle su una teglia coperta con carta forno. Stare attenti alla distanza tra le palline perché si gonfieranno in cottura. Cuocere in forno a 180°C per 15 minuti. Intanto creare la crema mescolando in una ciotola la crema di malto alla nocciola, cacao, olio, sciroppo e latte cercando di creare una bella crema liscia. Una volta cotti stendere un sottile strato di crema su un biscotto e unirlo ad un altro biscotto per creare la classica forma del bacio di dama tanto amato da tutti noi! Lasciarli in frigo per una mezz'ora perché si addensino e uniscano bene le parti. 

Ecco il link per vedere la puntata!

Servo e me ne vado
CHloeugi



Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero