domenica 18 gennaio 2015

Ospiti in tv da Zanzega

Quando il mio amico Stefano Momenté mi ha scritto "Vuoi venire come ospite con me in un programma televisivo, a cucinare le tue ricettine?" come mio solito, mi sono fatta prendere dall'entusiasmo e dalla voglia di rivedere un caro amico. 
Poi, a pochi giorni dall'evento, ecco salirmi l'emozione: cosa cucinare, come impiattare, come parlare, come vestirmi...insomma, leggere paranoie che fanno però bene al cuore.
Pensando a cosa cucinare che fosse vegan, gustoso ma leggero, visto il periodo in cui ci troviamo (dopo le ferie...), che fosse veloce e bello da vedere.

Ecco il menu che ho presentato:

Quinoa e bulgur con pout pourri di verdure invernali
Ingredienti per 4
- 280 gr di quinoa e bulgur (io ne ho trovato uno buonissimo cottura 10 min)
- 6 cucchiai olio
- 1 rametto rosmarino 
- 3 foglie salvia (facoltativo)
- 1/2 cucchiaino di cumino
- 1 scalogno
- 250 gr fagiolini verdi 
- 200 gr cavolfiore
- 200 gr zucca
- 1/2 cucchiaino di cannella
- 1/2 cucchiaino di zenzero
- 2 cucchiai salsa di soia
- 2 cucchiaini sale alle erbe 
Perché ho scelto la quinoa? Perchè, dopo le ferie siamo tutti un po' appesantiti e questo finto cereale,  pianta erbacea della stessa famiglia degli spinaci e della barbabietola, è leggera e dalle mille proprietà. Contiene; fibre, vitamine (gruppo B e la vitamina E) e minerali, tra i quali calcio, fosforo, magnesio, ferro e zinco, grassi prevalentemente insaturi, comparabili a quelli della soia. Inoltre è particolarmente indicata per i celiaci, in quanto totalmente priva di glutine, e, non ultimo, ha un buon apporto proteico.

Cucinare la quinoa è molto semplice. Per prima cosa porre i semi in un colino e sciacquarli bene con abbondante acqua fredda, per eliminare eventuali residui di saponina, una sostanza presente nella pianta che può conferire al seme un sapore amaro; poi versare la quinoa in una pentola e aggiungere acqua in quantità doppia rispetto al peso del finto cereale (es 1 tazza quinoa 2 di acqua) e cuocere per 15-20 minuti, fino al totale assorbimento. Per quanto riguarda il bulgur in commercio ce ne sono di due tipi uno crudo e uno precotto. Per quanto riguarda la cottura: per quello crudo ci vogliono circa 15 minuti in una quantità d’acqua pari a 2,5 volte il suo volume (basta moltiplicare il peso del bulgur per 2,5 per ottenere il peso dell’acqua da utilizzare. Per 200gr di bulgur, ad esempio, si dovranno usare 500gr di acqua). Durante la cottura il bulgur assorbirà tutta l’acqua; dopodiché è meglio lasciarlo riposare per circa 10 minuti. Per il bulgur precotto bisogna metterlo in ammollo per circa 20-30 minuti, poi cucinato come il bulgur crudo, utilizzando però 2 parti di acqua (es. 400gr di acqua per 200gr di bulgur), e anche in questo caso dovrà riposare circa 10 minuti dopo la cottura. Il bulgur è un alimento costituito da frumento integrale, grano duro germogliato, che subisce un particolare processo di lavorazione ha una buona fonte di fibre, vitamine del gruppo B, fosforo e potassio. Ha un indice di sazietà piuttosto elevato, che è una delle principali caratteristiche dei cereali integrali in chicchi. 
Ho deciso di usare un mix  perché lo trovo soddisfacente dal punto di vista calorico e nutrizionale, oltre a dare fibre e vitamine e sali minerali, utili per smaltire i bagordi delle feste, ha un buon gusto e consistenza. Piace a tutti, ma ho notato che da solo la quinoa non incontra lo stesso favore del suo concorrente couscous e allora usiamo il cugino più sano, il bulgur per riempirci il piatto di verdure e cereali.

Procedimento della ricetta
Come prima cosa cuocere i cereali. Dopodiché condirli con salsa di soia e qualche cucchiaio di olio extravergine di oliva. Intanto preparare le verdure in un tegame a fuoco moderato, Devono essere tagliate a pezzetti piccoli in modo che cuociano velocemente. Preparare le verdure, per velocizzare un po' l'operazione, cuocere al vapore i fagiolini, sbollentare il cavolfiore tagliato a cimette e cuocere 15 minuti in forno la zucca tagliata a dadini, in modo che siano tutte già pronte per saltarle in padella. Condirle con olio e spezie e servire con la quinoa e bulgur impiattata con un coppa pasta su un bel piatto da portata, con un filo d'olio, un paio di foglie di prezzemolo e una spolverata di peperoncino o pepe a seconda dei gusti. 

Insalata invernale mele e noci
Ingredienti:
- 1 mela verde 
- 1 rametto di ribes fresco
- 100 gr di  rucola o valerianella o lattughino
- 1 finocchio
- una manciata di noci 
Tagliare la mela a fettine sottilissime insieme al finocchio: in una ciotola versate la rucola o valerianella o altra insalata, a seconda dei gusti, e aggiungere la mela e il finocchio precedentemente tagliati. Aggiungete una manciata di noci e una manciata di ribes rosso fresco. Condire con olio, sale e limone.
Carpaccio carote
Ingredienti:
- 8 carote grandi
- 6 cucchiai d'olio
- 1 cucchiaio prezzemolo e 1 di basilico tritato
- 50 gr semi di lino e 50 gr pinoli
- 1/2 cucchiaino di zenzero fresco grattugiato
- succo di 1 limone
Pulire e tagliare le carote con un pela patate per ottenere delle fettine lunghe e sottili e disporle su un piatto da portata. Preparare il condimento con l'olio, il succo di limone e di zenzero (spremendo la polpa grattugiata), i pinoli, i semi di lino, gli aromi e il sale mescolando bene tutto in un mortaio. Versare la salsa sulla carota e lasciare che si impregnino bene della salsina per 30 minuti.
Polpette di ceci e e pangrattato
Ingredienti:
- 1 tazza di ceci già cotti-
- 1 patata bollita in acqua salata per 20/30 minuti
1/2 tazza di mandorle
- 1/2 spicchio d’aglio
- la scorza di 1 limone
- pangrattato 
- sale e pepe
- olio extra-vergine d’oliva 
Mettere nel mixer tritate i ceci già cotti, le mandorle, l’aglio e aggiustare di sale e pepe. Schiacciare la patata a parte con una forchetta e unire il tutto cercando di create un impasto morbido e compatto. Aromatizzare con scorza di limone e formare palline, passandole nel pan grattato e disporle su un piatto con riccioli di limone e sale e pepe. 
Baci di dama vegan e light
Ingredienti
230 gr di farina per dolci
- 70 gr di mandorle
- 120 gr di zucchero di canna/integrale
- 60 ml di olio di semi
- 70 ml d’acqua
- 1 cucchiaino raso di bicarbonato
- 2 cucchiai di crema alle nocciole  (malto alle nocciole)
- 2 cucchiai di cacao amaro
- 2 cucchiai di sciroppo di acero
- 2 cucchiai di olio di mais
- 2 cucchiai di latte di mandorle o vegetale a scelta (se serve)
Sciogliere  in un pentolino lo zucchero nell’acqua, poi aggiungere olio, mescolando con una frusta. In una ciotola versare farina, mandorle precedentemente tritate finemente e il bicarbonato, mescolare prima con un cucchiaio, poi versare i contenuto del pentolino. Cercare di impastare con le mani fino ad ottenere una pasta uniforme. Avvolgere l'impasto con la pellicola e metterlo in frigo a riposare almeno mezz'oretta. 
Togliere la pasta dal frigo e impastarla velocemente per renderla più malleabile. Formare palline piccole (circa un cucchiaino da te di impasto) e stenderle su una teglia coperta con carta forno. Stare attenti alla distanza tra le palline perché si gonfieranno in cottura. Cuocere in forno a 180°C per 15 minuti. Intanto creare la crema mescolando in una ciotola la crema di malto alla nocciola, cacao, olio, sciroppo e latte cercando di creare una bella crema liscia. Una volta cotti stendere un sottile strato di crema su un biscotto e unirlo ad un altro biscotto per creare la classica forma del bacio di dama tanto amato da tutti noi! Lasciarli in frigo per una mezz'ora perché si addensino e uniscano bene le parti. 

Ecco il link per vedere la puntata!

Servo e me ne vado
CHloeugi



lunedì 5 gennaio 2015

Constantly challenge yourself...2015 a noi!

Constantly Challenge yourself è un po' il mio motto: mettersi sempre alla prova per migliorarsi, per stare bene, per superare i limiti e ottenere grandi risultati. o vorrei tanto tatuare da qualche parte...per la gioia della mia povera mamma che sopporta i miei colpi di testa!!

Questo 2015 parte con tutti i migliori presupposti e auspici: tanti sogni e progetti, spese per provare nuove ricette...insomma c'è fermento nella mia cucina. 
E il giorno della befana ce n'era perché abbiamo avuto in visita per cena, due amici in dolce attesa, evento che ci riempie il cuore di gioia e ci fa venire voglia di cose buone e coccolose.
E cosa c'è di meglio di una bella pizza fatta in casa, creando un buonissimo impasto con lievito madre in polvere!?

Impasto per pizza con lievito madre in polvere 
Ingredienti:
- 500 gr di farina manitoba
- 250 gr di farina 00
- 500 ml di acqua
- 55 gr di lievito madre secco
- 3 cucchiaini di sale
- 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva

Mescolare le farine e il lievito, prima di versare olio e acqua per creare un bell'impasto. Volendo ci si può aiutare con la planetaria se ne facciamo tanto o non abbiamo tempo o abbastanza forza per impastare tutta questa farina! Dopo aver creato una palla di impasto per pizza, riporlo in una ciotola coperta con uno strofinaccio e tenerlo al caldo per 2 ore, lasciandolo lievitare ben bene. Dopodiché stendere la pizza, focaccia o altro che sia e lasciarla lievitare altri 40 minuti. Infornare a 200°C per 15 minuti, condendo con quello che amiamo: passata di pomodoro e origano, formaggini vegan, olive e capperi o sottaceti.

Crostata alla crema al cioccolato
Per la Crema di cioccolato
Ingredienti 
- 250 ml latte di soia
- 100 ml olio di semi o di mais
- 30 gr. sciroppo d'agave o sciroppo di acero
- 20 gr. farina 00 
- 10 gr. amido di mais 
- 150 gr. cioccolato fondente

In una ciotola sciogliere l'amido di mais e la farina con un po' di latte di soia, creando una cremina senza grumi. Versare in un pentolino  il resto del latte, la cremina ottenuta, l'olio, lo sciroppo d'acero o d'agave e portare a bollore, continuando a girare con una frusta finché si solidifica. Spezzare il cioccolato e farlo sciogliere aiutandosi con un leccapentola.. 

Pastafrolla vegan all'arancia 
Ingredienti
- 130 ml di olio di mais o di semi
- 200 ml di acqua salata
- scorza di arancia
- 90 gr di zucchero integrale
- 300gr di farina semintegrale o 500 di farina manitoba

Preparare gli ingredienti secchi e quelli liquidi da una parte. Mescolare i liquidi nelle farine e impastare. Aiutarsi con della farina se risultasse troppo liquida. Avvolgere la pastafrolla in un pezzo di pellicola e lasciarla un'oretta in frigo. Stendere la pasta in una teglia per torte, creando il guscio e bucherellando il fondo dell'impasto in modo che fuoriesca l'aria e non si gonfi, e cuocerla in forno per 25 minuti a 180°C. Creare delle forme con il resto della pasta frolla e cuocere tutto in forno le utilizzeremo per decorare. Lasciar raffreddare e guarnire con la crema e con codette di vari gusti e colori, oppure con biscottini fatti con l'avanzo dell'impasto.

La serata è terminata in chiacchiere, risate e sogni...
Servo e me ne vado
Chloeugi

domenica 4 gennaio 2015

Un po' di leggerezza dopo le abbuffate

Il 3° giorno ti accorgi che forse è il caso di mettere in atto i buoni propositi per l'anno nuovo. Sarà il sole che incoraggia, sarà che la bilancia ti guarda con fare da maestrina in vena di rimproveri, sarà che hai fatto la spesa e hai il frigo e la dispensa pieno di cosine sane, fatto sta che oggi mangiamo un po' più...light, che ne dite? 
Dopo una mattinata a fare progetti e a metterli nero su bianco sulla splendida agenda appena stampata di Spora, ve la consiglio per organizzare questo splendido 2015 appena cominciato, sento un po' di languorino!
Una buona polpetta di tofu e un purè di patate e broccolo romanesco è quello che ci vuole per scaldarsi e pulirsi un po' dai bagordi delle feste e per chiudere in bellezza una bella crema di mele cotte. Per merenda una marmellata di azuki su pane integrale con una tazza di the è una gran bella coccola. Vi è venuto l'acquolina?

Purè di patate e cavolo broccolo

Ingredienti per 4 persone
- 500 gr di cavolo broccolo/broccolo romanesco/cavolfiore a scelta
- 500 gr di patate
- cipolla
- aglio (facoltativo)
- olio extravergine
- sale e pepe
- noce moscata (facoltativo)
- 500 ml di brodo vegetale
- 250 ml di latte vegetale non dolcificato a scelta (o latte normale per chi non è vegano)

Per prima cosa tagliare 500 g di broccolo e 500 g di patate in pezzi piccoli piccoli (più lo sono minor tempo di cottura necessitano. Tritare finemente una cipolla e, volendo, uno spicchio d'aglio.
Ungere una pentola, con i bordi piuttosto alti, con un cucchiaio di  olio extravergine di oliva e scaldarla a fuoco basso. Poi aggiungere il trito di cipolla e di aglio, se lo si vuole aggiungere, dà un buon gusto intenso al purè.
Quando la cipolla si sarà imbiondita, unire il broccolo e le patate e girarle per farle scaldare un po', poi aggiungere mezzo litro di brodo vegetale. Abbassare la fiamma al minimo e lasciare cuocere con il coperchio per una decina di minuti, anche quindici, dipende dalla grandezza dei pezzi di verdure.
Quando le verdure saranno cotte lasciarle raffreddare leggermente lontano dal fornello, poi ridurle in crema usando un frullatore ad immersione (magico minipimer!).
Una volta ottenuta una consistenza vellutata e senza grumi, ma se piace più grossolano basta frullare meno, basta accendere la fiamma e versare 250 ml di latte di soia non zuccherato. Far riassorbire bene il latte e cuocere per un paio di minuti, mescolando continuamente. Come tocco finale, una volta raggiunto la consistenza giusta, spolverare di sale e pepe e una grattatina di noce moscata.


Mele cotte alla cannella zenzero e chiodi di garofano
Ingredienti:
- 700 gr di mele (5-6 mele)
- 50 gr di zucchero di canna
- succo e scorza di un limone
- 250 ml di acqua 
- 1 cucchiaino di zenzero 
- 1 cucchiaini di cannella
- 2 chiodi di garofano (facoltativo)
- 1 pz di sale

Preparare le mele lavandole e sbucciandole con un pela verdure. Grattugiare la scorza di limone e spremere il succo e tenere da parte. Tagliare le mele a fettine, e bagnarle con il succo di limone e acqua per non farle ossidare. Preparare uno sciroppo sciogliendo lo zucchero nell’acqua, e aromatizzarla con spezie a piacere cannella (in polvere oppure una stecca che poi toglieremo alla fine), chiodi di garofano e zenzero fresco grattugiato (o in polvere). Far bollire lo sciroppo per un paio di minuti. Mettere le mele in una casseruola con lo sciroppo e cospargerle con la scorza di limone tenuta da parte e il pizzico di sale. Posizionare sul fuoco con una fiamma vivace fino al raggiungimento dell’ebollizione; abbassare  il fuoco, coprire la pentola con il coperchio e cuocere per 40 minuti, fino a quando le mele saranno appassite e morbide pronte per diventare una crema vellutata, oppure 15/20 min se le preferiamo a pezzi. Si possono mangiare con uvette e noci, usarla per merenda con uno yogurt o sul pane.
 

Anko ovvero marmellata di azuki 
Dal Giappone una ricetta vista e rivista nei vari cartoni animati, è il ripieno dei dolcetti preferiti di tanti personaggi.

Ingredienti per un barattolo medio:
- 300 gr di azuki 
- 300 gr di zucchero di canna
- succo di 1 limone (aggiunta mia)
- pizzico di sale (per tirare fuori il dolce, astuzia macrobiotica) 

Lavare gli azuki e metteterli a bagno nell'acqua con un pezzetto di alga kombu, per una notte io (addirittura per 24 ore!!!).
 Trascorso il tempo, buttare l'acqua di ammollo e cuocere in pentola a pressione. Oppure  cuocerli in pentola e quando viene la schiuma, scolarli e rimetterli nella pentola cambiando di nuovo l'acqua e ricominciate a cuocerli finchè non diventano morbidi. (Almeno 40/50 min). Scolarli e ridurli in purè con il frullatore o uno schiacciapatate. Mettere il purè di azuki in una pentola dai bordi alti, con lo zucchero, il succo di un limone e sale (aggiunta interessante un pizzico di vaniglia in polvere bio) e cuocere a fuoco basso, mescolando di continuo con un cucchiaio di legno, finchè la marmellata non si addensa. Lasciare raffreddare e invasettare. Ha la consistenza e un sapore che ricorda vagamente la crema di marroni. 
Stasera abbiamo poi improvvisato una bella cenetta con gli amici e allora...improvvisiamo!! Domani ricetta dei muffin leggeri allo yogurth e cuore di cioccolato! 
Servo e me ne vado 
Chloeugi


venerdì 2 gennaio 2015

Nuovi giorni nuove tortiere...e torte!

Il secondo giorno dell'anno ha il sapore della novità, ma senza l'eccitazione del 1° giorno. 
Dopo il riposo, dopo aver preso un po' di tempo per noi, dopo aver radunato un po' le idee oggi si parte con rinnovato entusiasmo. Ho tante idee in testa e sto cercando di fare un planning per non perdermi neanche uno dei mille progetti che seguo e che amo.
Allora mi concedo un dolcino per festeggiare la nuova teglietta che mi ha regalato Lassaggiatore, e il piatto che mi ha regalato la mia super zietta per coccolare la mia famiglia che mi viene a trovare oggi, per augurarci tanti nuovi giorni pieni di sogni e passi.

Torta noci mele e cannella vegan
Ingredienti per una teglia piccola (raddoppiare per una teglia normale)
170 gr di farina- 8 gr di lievito
- 80 gr zucchero di canna o integrale + 2 cucchiai per la superficie  
- 60 ml di olio di girasole o mais (oppure evo ma delicato)
- 150 ml di acqua
- 1 cucchiaino raso di cannella
- 1 mela a pezzetti
- 50 gr di noci a pezzetti
- 1 cucchiaio di aceto di mele
- buccia di limone grattuggiata

In una ciotola capiente mescolare la farina, il lievito, lo zucchero, l'olio, la cannella e l'acqua fino ad ottenere un composto liscio. Aggiungere le mele fatte a pezzettini e noci e immergerle nell'impasto.
Versare nello stampo preparato e cospargere di zucchero integrale. Cuocere per 45 minuti a 180° C facendo attenzione che si cuocia bene controllando con lo stecchetto.

Come mai ho usato l'aceto di mele? Per sostituire l'uovo e la sua funzione in questa ricetta, quello di amalgamare e rendere soffice la torta. Anche se in questa ricetta non era strettamente necessario essendoci le mele, però volevo che venisse una torta bella soffice e gustosa.


Ecco alcuni modi per sostituire un uovo:
Nelle ricette dolci:
2 cucchiai di latte di soia in polvere mescolato con 2 cucchiai di acqua (1 cucchiaio da minestra= circa 10 grammi) 
- 2 cucchiai di fecola di patate 
- 2 cucchiai di amido di mais (maizena) 
- ½ banana matura
- ¼ di tazza di yogurt di soia (circa 35/40 grammi) 
- 2 cucchiai di tofu frullato con il liquido della ricetta, se è vellutato aggiungerlo direttamente all’impasto
- 2 cucchiai di farina di ceci 
- ¼ di tazza di mela grattugiata (circa 40 grammi) 
- 1 cucchiaio di aceto di mele (ottimo per le ricette con cioccolato) 
- (un classico) la miscela di semi di lino polverizzati finemente con l’aiuto di un mixer insieme a 3 cucchiai di acqua: ha un sapore non neutro ed influenza la ricetta, però è molto adatto per le ricette con farine integrali, o con cacao, con gusti decisi e non delicati).

Nelle ricette salate si possono usare
- riso bollito (avendo cura di non averlo sciacquato troppo per non fargli perdere troppo amido)
- patate lesse
- ceci o azuki lessati
- miglio lessato 

Servo e me ne vado
Chloeugi

giovedì 1 gennaio 2015

Happy new year!!! Risotto e risate

Buongiorno ehm buon pomeriggio e buon primo giorni di questo nuovo, scintillante e pieno di aspettative, 2015!!!
Come abbiamo finito noi? Pulendo e sistemando la nostra splendida casa e preparandoci per festeggiare con i nostri amici.
Ultima ricetta dell'anno? Un finto risottino al radicchio con un mix di 5 cereali, per avere qualche cosina da smangiucchiare dopo i bagordi del capodanno, il 1 gennaio!

Cerealotto al radicchio trevigiano alle noci (finto risotto!)
Ingredienti per 4 persone 
400 grammi di riso mix di cereali (grano, farro, orzo, riso e avena è un mix cottura 10/15 min)  altrimenti un riso semintegrale per risotti, o un Vialone Nano
- 2 cespi di radicchio tardivo di Treviso (grazie zia!)
- 1 litro di brodo vegetale
- 1 cipolla
- 3/4 di bicchiere di vino bianco secco o uno rosso se si vuole dare un gusto più deciso
- olio e.v.d’oliva
- sale e pepe

Sminuzzare la cipolla e metterla in una pentola ampia con un filo di olio. Tagliare a pezzetti il radicchio e buttarli nella pentola con la cipolla. Cuocere per una decina di minuti finché si riassorbe l'acqua della verdura. Versare il riso o il mix di cereali e tostare per qualche minuto. Poi sfumare il vino e man mano versare mestoli di brodo affinché si cuocia il risotto o finto risotto lentamente e profondamente. Dopo una 10 di minuti, o circa a metà sbriciolare le noci e cuocere per altri 5/10 minuti (assaggiare per capire a che punto siamo della cottura). Salare e pepare e prendere 4/5 cucchiai e frullare con un 1 cucchiaio di olio e qualche noce (volendo) per creare una cremina utile per la mantecatura! Così non serve burro! Mescolare la nostra pietanza con la crema e servire con olio e noci o, come ha fatto Lassaggiatore, con un goccio di aceto balsamico!

Ora sfornerò il primo pane dell'anno al farro e semi di lino, così la casa profumerà di buono! 
Buon anno a tutti, che sia un anno gustoso, curioso, pieno di soddisfazioni sogni e progetti da realizzare per tutti!
Per quanto mi riguarda il mio augurio personale è quello che ci siamo decisi ad attaccare al muro del nostra salotto...
"La decisione più coraggiosa che puoi prendere ogni giorno è quella di essere di buon umore". Voltaire

Ps Il giorno dopo il risotto è ancora più buono e può essere usato per fare croccanti polpette, basta mescolare un cucchiaio o due di farina e un mix di 2 cucchiai di maizena e 4 di acqua per sostituire le uova. Impastare tutto e creare con le mani le polpette. Se serve passare nella farina o nella farina di mais o nel pan grattato. Poi saltarle in padella antiaderente.
Ottimi come snack salati, noi ce li siamo sbafati mentre eravamo sommersi ognuno nelle proprie attività creative, per partire bene con il giusto spirito questo 2015.

Servo e me ne vado
Chloeugi 




Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero