domenica 29 marzo 2015

Di panne cotte e chiacchiere in rosa


Ho mille agende, planning, planner, reminder, post it...e più ne ho più ho la conferma che sono un'accumulatrice di impegni!
Queste settimane volano davvero come foglie al vento e io ne sono felice ma poi...ecco che il mio corpo mi da segnali inequivocabili che devo rallentare.
Si accavallano impegni stupendi: eventi, corsi, lavori, la startup...mamma mia!
E allora sotto!
Ieri sera l'incontro della Rete al femminile di Vercelli, di cui sono la leader, davvero molto intenso e proficuo, tra chiacchiere, confronti e un po' di obiettivi da stabilire.
Ringrazio il Faktory che ci ha gentilmente ospitate e date la possibilità di sfogarci anche creativamente, allestendo un po' lo spazio che ci hanno dato rendendolo un po' fru fru!
Ma si può mica ragionare a stomaco vuoto? No di certo!
E allora cosa ho preparato (e non mangiato...perché sono a dieta!).

Menu Talenti da sgranocchiare
- Hummus di cannellini alla curcuma con focaccia al rosmarino
- Girelle alle olive nere e alle olive verdi
- Tarte tatin al pesto di pomodori e pomodorini in agrodolce
- Mini muffin al limone
- Panna cotta vegan con coulis alle fragole

Amo la primavera perché porta frutta e verdura davvero buona, come le tanto amate fragole con le quali ho creato una panna cotta partendo dal latte di soia, senza uso di panne vegetali, facendomela in casa.

Panna cotta vegan con coulis di fragole
Ingredienti per 12 (in bicchieri piccoli o 6 in ciotoline da dolce)

- 400 ml di panna fatta in casa
- 100 ml di latte di soia alla vaniglia (o anche naturale poi aggiungere vaniglia)
- 110 gr di zucchero di canna
- 1 cucchiaio e 1/2 di agar agar in polvere

Per la panna vegetale fatta in casa (ricetta mia modificata dopo vari esperimenti)
Ingredienti
- 200 ml di latte di soia
- 380 di olio di mais o di semi di girasole
- 1 cucchiaino di agar agar in polvere

Come primo passaggio, preparare la panna in casa, sciogliendo  in un pentolino l'agar agar con 50 ml di latte e lasciare raffreddare. Intanto versare il latte rimasto in una brocca per il frullatore ad immersione e iniziare a versare a filo, mentre frulliamo, l'olio per montare la panna. Meglio se questa operazione viene fatta con gli strumenti un po' freddi, magari mettendo in freezer o in frigo per un po' la parte del frullatore e la ciotola che useremo.
Unire l'agar agar sciolto e frullare ancora. Ora è pronta per essere usata per il nostro composto.

Preparare la panna cotta: sciogliere a freddo l'agar agar in un pentolino con il latte, poi aggiungere la panna fatta in precedenza, lo zucchero di canna e mescolare, portando poi a bollore per almeno 3/5 minuti. Versare negli stampi, ciotole o bicchierini e mettere in frigo, una volta raffreddato a sufficienza per non rovinare l'elettrodomestico.

Coulis alle fragole
- 250 gr di fragole
- 30 gr zucchero di canna/integrale
- succo di 1/2 limone
- 150 ml di acqua
- 1 cucchiaio di agar agar in scaglie

Tagliare le fragole e metterle in una casseruola con il succo di limone, lo zucchero, l'acqua e il cucchiaio di agar agar e far sobbollire, finché non si asciuga il liquido. Poi frullare o passare al colino in modo da avere una bella coulis liscia.

Una volta addensato versare a cucchiai la coulis per creare quello bello strato rosso che stacca da quello bianco della panna. Si può fare anche con altri frutti di bosco, con lamponi ad esempio o con i mirtilli e aggiungere qualche ricciolo di lime o limone.

Un buon esperimento...a quanto mi hanno detto!
L'agar agar è magico, oltre che utile per aiutare l'intestino.
Vi consiglio di provare a sostituire lo zucchero integrale o di canna con malto o con sciroppo d'acero o succo d'agave perché danno un gusto ancora più vellutato.

Ho cucinato tanto ma n'è valsa la pena, si sono sbafate tutto!

Ora servo e me ne vado che ho ancora il naso che cola, troppa stanchezza, merito un po' di riposo.
Chloeugi

Seguimi anche qui

Read me in other languages...

il mioblog pianta un albero